Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Moscardin
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

Intimità spirituale e intimità familiare

Public Domain

<h2 class="itemTitle">Intimit&agrave; spirituale e intimit&agrave; familiare: l&rsquo;esperienza della fede e le trasformazioni dello stile nelle relazioni familiari.</h2>

Dimensione Speranza - pubblicato il 29/04/14


Più positivamente: la relazione coniugale può svolgere una funzione non dissimile da quella psicoterapeutica. In questo caso l’altro è investito in modo transferale di quei compiti evolutivi aperti di cui ho detto, ma poi (esattamente come accade o dovrebbe accadere in un percorso psicoterapeutico) a un certo punto, avendo esaurito quella funzione, potrebbe essere percepito come estraneo o perfino come estraneo da respingere, in modo analogo a quanto potrebbe accadere nei confronti del terapeuta a partire da una imperfetta o addirittura "cattiva" terminazione13 psicoterapeutica. In essa, il cliente/paziente rafforzando i processi relativi alla propria identità psicologica può giungere a sentire con disagio, ma perfino con ostilità, la relazione con colui che fu terapeuta. Questi, infatti, essendo stato testimone di una stagione di debolezza, ora sentita come inaccettabile (almeno da un punto di vista emozionale) da colui che fu cliente/paziente, viene percepito affettivamente in modo non positivo.

Inutile dire che la mancanza di una tematizzazione di questo stato di cose e (come se non bastasse) l’eccesso di credito dato dal senso comune agli aspetti emozionali di ogni vissuto, si rivela particolarmente insidioso per la relazione di coppia. Viene a crearsi un circolo perverso: l’attuale cultura occidentale contesta il rapporto con il limite; crea l’illusione di una ricaduta positiva sull’umano di una tale "liberazione"; in realtà favorisce l’indebolimento dei confini psichici della personalità del singolo destrutturando da ciò l’esperienza emozionale; in definitiva estromette il passaggio interpretativo di ogni "sentire", che è un processo "anche" etico, rendendo estremamente volatile il rapporto con l’esperienza. Affidato al solo livello emozionale infatti, il "bene" dell’esperienza non può che essere soggetto a molteplici oscillazioni.

Non idealizzerei la realtà della famiglia così come poteva essere vissuta trenta o quarant’anni fa. Allo stesso tempo, però, ritengo che la tutela del legame familiare (quale che fosse il contenuto) come compito implicito della relazione di coppia, la proteggeva e, in qualche modo, la strutturava.

8. Eros, disturbi sessuali e rilancio spirituale

Precisamente a motivo di tutte le riflessioni condotte su questo punto ritengo che quello dell’intimità (fisica, psichica e sessuale) sia un territorio nel quale finiscono per incontrarsi scontrarsi, per dialogare e lottare, molte delle questioni che ho cercato di mettere in evidenza, per quanto in modo iniziale e sommario. L’eros si presenta come spazio di un’intimità in grado di controllare (apparentemente) l’altro, in qualche modo di trattenerlo e forse di requisirlo. Credo faccia riflettere tutti coloro che lavorano al giorno d’oggi nel campo della terapia o della consulenza di coppia, la frequenza significativa di persone che presentano problemi di natura sessuale nella relazione con il proprio partner. In un certo qual modo la cosa potrebbe apparire perfino illogica. La nostra cultura occidentale ha liberato o ha creduto di liberare dalla colpa e dai tabù il legame sessuale. E non è raro che si sia incolpata la Chiesa o addirittura il cristianesimo di aver fomentato una cultura sessuofoba, responsabile, in anni non troppo distanti, di tutta una serie d’inibizioni o addirittura di nevrosi che probabilmente non hanno reso l’intimità sessuale un’esperienza riconciliata e soprattutto capace di contribuire a costruire il legame di coppia. D’altra parte oggi assistiamo a tutta una serie inedita di problemi o addirittura di patologie legate alla sessualità. Da ciò ha guadagnato legittimità scientifica e operativa la figura del sessuologo.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
Tags:
famiglia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
5
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
CONFESSION, PRIEST, WOMAN
Gelsomino Del Guercio
Segreto, psicologo e assoluzione: 3 consigli per una corretta Con...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni