Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 20 Aprile |
Sant'Aniceto
home iconStile di vita
line break icon

Il discernimento dei gesuiti (IX regola)

© DR

padre Francesco Occhetta - "L'UMANO NELLA CITTÀ" Il blog di Francesco Occhetta - pubblicato il 29/04/14

I tre segreti per ripensarsi, vivere bene il quotidiano, stare vicino ai testimoni

Scrive sant’Ignazio di Loyola: Tre sono le cause principali per cui sei desolato. La prima è perché sei lento, pigro o negligente: è colpa tua se la consolazione spirituale si allontana da te. La seconda, perché Dio vuole dimostrarti quello che sei e quanto avanzi senza l’incentivo delle sue consolazioni. La terza, perché tu sappia per esperienza tua che non sta a te procurarti o mantenere grande devozione, amore intenso, lacrime, e qualunque altra consolazione spirituale, ma che tutto è grazia di Dio, in modo che tu non faccia il nido in casa altrui, inorgogliendoti o attribuendo a te ciò che è dono di lui (E.S., n. 322).

Nella spiritualità dei gesuiti la riflessione segue l’esperienza vissuta. È dannoso fare esperienza senza riflettere. È inutile continuare a riflettere senza vivere.
Spesso conformiamo anche l’azione ad una riflessione teorica e sterile. Per questo Ignazio scrive questa regola per aiutare chi vive “la battaglia” spirituale a riflettere in profondità sul suo vissuto per non incorrere negli antichi pericoli.
La regola parla di tre possibili frutti:
1) ripensare la propria vita;
2) vivere nella profondità la propria quotidianità;
3) affiancarsi alle persone che incontriamo con grande umiltà.
Fino ad ora la desolazione è stata definita come uno “status” che si vive. Il rimedio? Fermarsi. Quando inizia a grandinare bisogna ripararsi non affrontare qualcosa più grande di noi. Non mancano persone che continuano a camminare facendosi del male chiedendosi il perché sta grandinando o rimproverandosi di non aver preso l’ombrello.
Adesso invece Ignazio ci spiega le cause della desolazione e come interpretarla. Le cause della desolazione possono essere tre, commenta p. Fausti: “il male fatto da te, il male fatto a te, e il male che esce da me e dagli altri”. Sono le tre parti di cui è costituito un fiore: i petali, il gambo e le radici del male. In termini spirituali Ignazio chiede che attraverso l’ascesi ci si apra alla mistica. Attraverso un equilibrato governo di sé si apra il cuore perché possa entrare e dimorare. La prima causa della desolazione è il male che faccio: invece di seguire un ordine e fare scelte sensate, rischiamo l’impossibile. Quando viviamo queste esperienze la desolazione è il dolore del distacco tuo a Lui. Di certo non il contrario, il Signore non si allontana da noi. Si sente rimorso perché ci si rende conto che il tempo passa e risalire a scelte sbagliate o disordinate ruba una grande quantità di energia psicofisiche. Ci si senti spenti, tristi, senza desideri, vuoto, angosciato, non appagato da nulla, estraneo a tutti e a tutto, anche a te stesso, proprio perché sei fatto per altro, per un Altro e non per i tuoi vizi. Renditene conto!”.

Per uscirne confessa il male che fai e senti, non giustificarti, la colpa non è di altri. Il male si vince riconoscendolo e poi facendo il bene. Fermati ad analizzare da che male devi guarire.
La seconda causa è il male che hanno fatto a te o gli altri o il dolore per il male fatto. Qui i ricordi ti possono tormentare, ti possono chiudere in te stesso e ti presentano un conto così salato che è molto più caro di quello che invece devi dare. Questo dolore purifica il tuo cuore, in fondo è il richiamo del Signore alla tua vita perchè vuole che tu ami lui, e non il tuo piacere di lui.
Afferma p. Fausti: “Desidera che tu passi dalle consolazioni di Dio al Dio delle consolazioni, dall’amore dei suoi doni all’amore per lui. Non confondere le cose di Dio, con Dio stesso. Stai libero dalle prime concentrati sulla seconda”.
Per questo momento la preghiera è come l’acqua in mezzo al deserto. Ma attento a cosa significa per te preghiera. Se è per trovare te, serve a poco, se è invece per trovare Lui per trovare te allora ti rincontrerai.

  • 1
  • 2
Tags:
discernimentogesuitisant ignazio di loyolaspiritualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
4
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni