Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconArte e Viaggi
line break icon

I due papi santi in 120 immagini

AFP PHOTO / GIUSEPPE CACACE

CITE DU VATICAN, Vatican City : A woman speaks on the phone as she visits the exhibition "The humility and courage that changed history" dedicated to late Popes John XXIII and John Paul II at the Vatican Museum on April 25, 2014. The exhibition illustrates through photographs and several videos the pontificates of John XXIII and John Paul II ahead of their canonisation on April 27, 2014. AFP PHOTO / GIUSEPPE CACACE

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 28/04/14

Inaugurata ai Musei vaticani la mostra fotografica "L'umiltà e il coraggio che hanno cambiato la storia"

Ci sono le foto in bianco e nero di Giovanni XXIII con i piccoli pazienti dell’Ospedale Bambino Gesù o mentre benedice le folle e quelle dell’apertura dei lavori del Concilio Vaticano II, intensamente evocative di una stagione determinante della vita della Chiesa. E poi ci sono le foto a colori che abbiamo ancora negli occhi della memoria più recente di Giovanni Paolo II fermo sulla neve dell’Adamello o con il copricapo indiano alla Gmg di Denver o tra la folla entusiasta nello stadio di Rio de Janeiro. La mostra fotografica "L’umiltà e il coraggio che hanno cambiato la storia. Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II" curata da Paola Di Gianmaria, responsabile della Fototeca dei Musei vaticani e Arturo Mari, fotografo ufficiale di Giovanni Paolo II e inaugurata in occasione della canonizzazione dei due santi pontefici, offre al pubblico dei Musei vaticani – che potrà visitarla fino al prossimo 19 luglio – la possibilità di cogliere attraverso 120 scatti il fluire rapido dei tempi di profonde trasformazioni nei quali i due pontefici hanno lasciato, con determinazione e mitezza evangelica, un segno di amore per la Chiesa e per l’umanità. Aleteia ne ha parlato con il direttore dei Musei vaticani, Antonio Paolucci.

Perchè questa mostra?

Paolucci: L’occasione è la canonizzazione dei due santi papi, un evento storico che difficilmente potrà ripetersi. I Musei vaticani non potevamo non esserci ma abbiamo cercato di scansare ogni riscgio di trionfalismo così come di devozionismo. Attraverso le foto dell’Osservatore romano ai quali si unisce la visione di alcuni documentari della Filmoteca vaticana e del Centro televisivo vaticano e di un filmato inedito su Papa Wojtyla, abbiamo cercato di raccontare non solo due Papi ma anche il Novecento, il secolo breve che entrambi hanno attraversato vedendone gli orrori ma anche gli entusiasmi e la commozione. Sono sicuro che la mostra fotografica potrà far capire al popolo dei musei vaticani i caratteri di umiltà e coraggio che costituivano il tratto comune dei due pontefici.

In che cosa consistono?

Paolucci: L’umiltà non è l’atteggiamento di chi rinuncia nè di chi assume una disposizione marginale, ma è virtù eroica, quella stessa che spinse Roncalli ad indire il Concilio nell’ascolto docile di quanto suggeriva lo Spirito. E questo è il coraggio che vince la prudenza umana. Lo stesso che ha contraddistinto Giovanni Paolo II nella sua azione di sacerdote e vescovo che ha fronteggiato nazismo e comunismo e poi, da papa, come interlocutore dei Grandi della Terra. In questo senso, coraggio sarebbe meglio chiamarlo "fortitudo" che, insieme alla giustizia, alla temperanza e alla prudenza, è una delle quattro virtù cardinali e non esiste senza le altre.

Quale rapporto hanno avuto i due pontefici con l’arte?

Paolucci: Roncalli era amico e compaesano di Manzù, bergamasco come lui; esistono capolavori di Manzù che sono stati voluti da Giovanni XXIII: basta pensare ai padri conciliari immortalati nel bronzo delle porte della basilica di S. Pietro. Si conobbero nel 1956 a Venezia e tra loro ci fu un rapporto oltre quello tra artista e papa, ma anche tra due uomini che erano vicini alla cultura del loro tempo, un vero rapporto d’amicizia. Così l’arte contemporanea si affacciò in Vaticano la prima volta.

E Giovanni Paolo II?

Paolucci: Wojtyla da polacco, quindi appartenente alla cultura slava, amava l’arte dell’Oriente cristiano e le opere bizantino. La cappella Redemptoris mater in Vaticano è una specie di rivisitazione della stile primitivo ortodosso bizantino. Ogni papa è immerso nella storia e nella cultura del suo tempo.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
vaticano
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni