Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

2 suggerimenti per conoscere di più Giovanni Paolo II

© DANIEL JANIN / AFP
Condividi

I numerosi viaggi all'estero e la sua gestualità sono parte non secondaria del pontificato di Wojtyla

I viaggi e gli sguardi. Provate a leggere con queste 2 lenti la vita del futuro San Giovanni Paolo II. Ne scoprirete una sorprendente (e miracolosa) strada che vi porterà alla scoperta di un gigante della fede. E della comunicazione

Il magistero con la valigia in mano
A porgerci la prima lente è Angela Ambrogetti durante il briefing "Giovanni Paolo II e la comunicazione: i viaggi all’estero, l’evento dei funerali e le lettere dei fedeli sulla sua tomba" tenutosi il 22 aprile presso la Pontificia Università della Santa Croce. Prima di Giovanni Paolo II i viaggi papali erano improvvisati oppure avvenivano per particolari ricorrenze ma non facevano parte di programmi di evangelizzazione. Per il papa polacco invece i viaggi erano essenzialmente fondamentali. Si contavano 40-50 discorsi a viaggio, ed è proprio lì che ha costruito gran parte del suo magistero.

I gesti che hanno fatto innamorare
Un papa che tutti ricordano per alcuni momenti particolari, come racconta Elisabetta Lo Iacono, per certi sguardi, gesti, modi di fare. Un pontefice che ha creato un legame affettivo alla figura del papa stesso, in quanto vicario di Cristo sempre vicino al suo popolo, per portare gli occhi di Dio a tutto il mondo.

Come la nostra mente ricorda Giovanni Paolo II? from Aleteia Italia SRL on Vimeo.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni