Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 21 Gennaio |
Sant'Agnese
home iconStile di vita
line break icon

Il «mio» Giovanni Paolo II: la forza nella fragilità dell’uomo

© ALESSIA GIULIANI/CPP

<span class="standardtextnolink"><a class="standardtext">ALESSIA GIULIANI/CPP</a></span><br /> <span class="standardtextnolink">Paula Olearnik of Poland embraces Pope John Paul II during a ceremony in St. Peter&#039;s Square at the Vatican in this April 1, 2004, file photo. The pontiff often urged Catholic youth to dedicate themselves to God.</span>

Emanuele D'Onofrio - Aleteia - pubblicato il 23/04/14

Mons. Renato Boccardo e Renzo Agasso firmano un volume che ci aiuta a cogliere l’umanità di Wojtyla per capirne la santità

“È stato un tale privilegio servire Giovanni Paolo II, una tale grazia essergli vicino, che sento il dovere di parlarne, di farne parte agli altri”. Questo è l’incipit del racconto di mons. Renato Boccardo, attualmente arcivescovo di Spoleto-Norcia, ma nei giorni del pontificato di Karol Wojtyla suo collaboratore in Vaticano, soprattutto organizzatore dei suoi ultimi viaggi. Il libro uscito in questi giorni,Il «mio» Giovanni Paolo II (Paoline, 2014), curato da Renzo Agasso, ricostruisce i tratti dell’uomo Karol Wojtyla, non prescindendo, piuttosto alzando lo sguardo oltre la potente ed influente immagine che i media hanno disegnato prima e dopo la sua morte. In questo libro impariamo a conoscere il pontefice polacco in ciò che precedeva e seguiva le sue apparizioni in pubblico o i suoi incontri con i capi di Stato. Riusciamo a guardare, in queste righe, dentro i suoi sorrisi, i suoi sguardi severi e nel fondo delle sue lacrime di commozione. Aleteia ha incontrato Renzo Agasso, che ci ha offerto qualche anticipazione.

Chi è il Giovanni Paolo II che raccontate?

Agasso: In questo libro abbiamo usato alcune parole chiave per identificare questo pontificato; ognuna corrisponde ad un capitolo. Tre di queste soprattutto emergono nel ritratto di Boccardo. La prima è mistico: questo papa che animava le folle era in realtà un uomo che cercava continuamente il contatto con Dio con la preghiera, col silenzio, in un passaggio in cappella in Vaticano tra un incontro e l’altro, col fermarsi in elicottero, in macchina o in aereo, a dire il rosario prima di scendere per incontrare i capi di Stato e le folle. ‘Mistico’ è un vocabolo che Boccardo usa più volte: lui l’ha visto sempre pregare, nei momenti più impensabili e nei luoghi più diversi, sotto le calure infernali oppure al freddo e al gelo. La seconda parola è coerenza: Boccardo dice che ha il papa ha avuto tanto ascolto, da parte soprattutto dei giovani, perché si mostrava come un uomo che viveva quello che diceva, che non ha mai rivisto la sua speranza nel mondo giovanile, che è sempre stato esigente con i giovani e li ha sempre spronati a fare bene e meglio. Con assoluta coerenza poi viveva la sua stessa vita, nel massacrarsi nei viaggi, nel resistere fino alla fine nella debolezza della malattia: una coerenza fisica e spirituale che i giovani hanno apprezzato e che li ha convinti. L’altra parola chiave che Boccardo usa è umanità: Giovanni Paolo II è stato un papa che in mezzo a tutte le vicende storiche che ha vissuto, ai personaggi storici straordinari che ha incontrato, aveva sempre la capacità di riconoscere la persona, e di avere un’attenzione per questa, individuale e concreta, non falsa, non costruita, ma reale e autentica.

La sfida era quella di mostrare l’uomo oltre l’immagine mediatica che se ne ha?

Agasso: Vedo che stanno emergendo oggi, anche in molti altri autori, questi aspetti. Si riscopre che al di là dello spettacolo del Giovanni Paolo II ‘superstar’ che abbiamo visto e vissuto – che ha avuto un ruolo comunque perché ha avvicinato il papa a milioni di individui, cosa mai vista prima e mai pensata sino ad allora – c’era un uomo, profondamente radicato in alcune cose, nella preghiera, nell’attenzione alle persone, nella preparazione meticolosa della messa. Per lui, dice Boccardo, andare nei paesi lontani non era andare a incontrare capi di Stato, ma era andare a dire messa. Per questo c’era in lui una lunga attenzione ai gesti, ai momenti. Celebrare l’eucarestia in mezzo al popolo di Dio, questo era lo scopo per cui viaggiava, che veniva prima di tutto il resto.

Tra gli ultimi capitoli ci sono quelli dedicati a due termini chiave: “umanità” e “fragilità”. Perché?

  • 1
  • 2
Tags:
san giovanni paolo iisanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
4
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
DIAKON
Arcidiocesi di San Paolo
Perché un pezzo di Ostia consacrata viene collocato nel calice?
7
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni