Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Una palla a giro sul secondo palo

© Public Domain
Condividi

La strada molto personale di Dario per dirci che la differenza tra uomo e animale non poggia sulla "razionalità", ma sulla capacità di produrre bellezza

"Una palla a giro sul secondo palo". Ho fatto un po’ fatica a capire. Anche perché il calcio non mi appassiona già da parecchio. Ma stando tra adolescenti è impossibile rimanerne immuni, tanto che dopo qualche secondo ho realizzato ciò che Dario mi stava dicendo.

Eravamo partiti da molto più lontano. Tema generale: uno sguardo alle forme contemporanee di religiosità o pseudo tali. In cui lo stile "New Age" campeggia per pervasività e trasversalità. E sulla tendenza di questo movimento al recupero della "naturalità" dell’uomo si è aperta una stana deviazione sul valore dell’istinto umano. "Beh, prof., in effetti quanto si starebbe bene se si potesse vivere in modo più naturale!" Ha iniziato Cristina, che di solito se ne sta buona e tranquilla e prende persino appunti. "Ah, bene Cri, e cosa vuol dire per te più naturale?" – le chiedo. "Beh in modo più istintivo, senza tante robe create da noi, così come viene senza … i-phone, computer, tablet, tutta sta roba qui che alla fine non ci fa mica essere diretti e semplici".

"Sì, e per te sarebbe bello vivere senza telefonino? – ribatte Arianna -. Non ci credo! Anche perché io poi, se una roba mi va di dirla la dico anche al cellulare o in un sms. Se vuoi essere diretta e istintiva lo puoi fare anche così. Prof. io credo che finché siamo sinceri e istintivi va bene. Ci ho pensato ieri, quando mia madre discuteva con sua cugina che è incinta ed era preoccupata per il parto. Mi sono chiesta: ma come ha fatto la prima donna a partorire? Mica nessuna glielo aveva insegnato. O ad allattare? Eppure c’è riuscita, anche senza tante robe che ci sono oggi. Allora vorrà poi dire che l’istinto naturale funziona". "Uh, Arianna, quindi secondo te aveva ragione Raf qualche anno fa quando cantava "Un battito animale" dicendo che l’istinto naturale è la parte più vera che c’è nell’uomo?" "Sì, credo di sì, prof. E se uno vuole vivere bene dovrebbe imparare a seguire quell’istinto".

"E allora Arianna – ribatto – che differenza ci sarebbe secondo te tra l’uomo e l’animale?". "Prof. noi siamo molto diversi da un animale – risponde lei -, siamo molto più evoluti. Un cane partorisce oggi come mille anni fa. Noi ci siamo evoluti". Con un impeto difensivo che mi sorprende Miriam irrompe nella discussione: "Oddio Arianna, però un cane ha delle emozioni, come ce le abbiamo noi! Quindi non è che poi sia molto diverso da noi. Dai, saremo anche più evoluti, ma delle volte facciamo peggio dei cani!"

Ed è a questo punto che Dario ci spiazza tutti. "Col cavolo che non c’è differenza Miriam. Prova tu a chiedere ad un cane di metterti una palla a giro sul secondo palo. Mica lo fa. Pirlo sì! Voi mettere?!" Il silenzio cala in classe. E in un nano secondo esplode una risata clamorosa. Non ho nemmeno afferrato del tutto il senso della frase di Dario che d’improvviso intuisco che non è una semplice battuta. Infatti. "No, io lo dico seriamente – riprende Dario – Non si può paragonare Pirlo ad un cane. Pirlo è un artista. Mica basta l’istinto naturale per dei tiri del genere. Uno lo deve volere, provare provare provare. Ci vuole un sacco di testa e bisogna sentirselo dentro. Un cane non potrebbe mai farlo". "Scusa Dario – gli dico – secondo te allora la differenza tra un uomo e un animale sta nella capacità dell’uomo di mettere insieme testa, cuore e corpo alla ricerca di un obiettivo, scelto consapevolmente, che si vuole raggiungere, mentre un animale non può scegliere obiettivi perché guidato solo dall’istinto?". "Mi sono un po’ perso prof., ma il concetto è quello".

Già altre volte è ritornato questo tema. A partire dalla percezione di frantumazione interna di questi adolescenti di oggi, che le idee di Arianna e Miriam, ma forse pure di Cristina, anche qui ci dichiarano apertamente. Ma stavolta Dario ci permette due aggiunte molto significative, alle riflessione già fatte.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni