Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Papa Francesco: Cent’anni di solitudine? “Un libro che ho goduto molto”

© MuladarNews
Condividi

I due incontri dello scrittore Gabriel García Márquez con Giovanni Paolo II

Lo scrittore colombiano Gabriel García Márquez deceduto ieri in Messico, aveva, e lo dichiarava apertamente, una "grande stima e profonda ammirazione" per Papa Giovanni Paolo II che, tra l’altro, incontrò due volte. La prima fu nel 1979 in Vaticano. García Márquez fu una delle prime personalità latinoamericane ricevute in udienza da Papa Wojtyla dopo la sua elezione. Lo scrittore Premio Nobel ricorda di aver chiesto di parlare con il neo Pontefice per chiedere un aiuto per un programma a favore dei desaparecidos argentini, Paese allora da due anni sotto una ferrea dittatura. Raccontando l’incontro, García Márquez disse di aver trovato un Papa un "po’ spaesato e scomodo dietro ad una scrivania", alle prese "con un mestiere straordinario che doveva imparare". 

Papa Wojtyla si mostrò preoccupato per le notizie sulla situazione umanitaria, disse García Márquez ma purtroppo il programma non si realizzò mai. Alcune cronache dell’epoca raccontano anche di un piccolo incidente: il papa e il suo illustre ospite sono rimasti per alcuni minuti "rinchiusi" nella Biblioteca perché si era inceppata la chiave.

Il secondo incontro, il 25 gennaio 1998, fu breve ma cordiale e affettuoso. Gabriel García Márquez era presente in Piazza della Rivoluzione accanto all’allora Presidente cubano Fidel Castro, il giorno della Messa conclusiva di Giovanni Paolo II in occasione della sua visita storica a Cuba (21 – 26 gennaio 1998). Al termine della Santa Messa, Papa Wojtyla si avvicinò al palco delle autorità per salutare il Presidente Castro e anche Gabriel García Márquez che era alla sinistra del leader cubano. 

Papa Francesco, il 13 maggio 2013, ricevette come dono prezioso del Presidente della Colombia, Manuel Santos, una copia rilegata del romanzo "Cent’anni di solitudine" e secondo il governante la reazione di Papa Bergoglio fu immediata: ”E’ un libro che ho goduto molto…” e poi ha aggiunto: "Sono un attento lettore dei suoi libri".

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.