Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

In che anno e giorno è morto Gesù?

James Butler
Condividi

L'ultima cena fu veramente un banchetto pasquale?

Il termine Pasqua deriva dall’ebraico pesah, un termine variamente interpretato come “passare”, “colpire”, e riferito a una festa ebraica di origine nomadica. Ma se il rituale dell’agnello arrostito intatto nella sua ossatura, il sangue asperso sulle tende, il bastone da viaggio e i pani azzimi rimandano appunto a una cerimonia pastorale di transumanza, per Israele questa diventerà la festa storica della liberazione dall’oppressione e dal male.

I vangeli sinottici (Marco, Matteo e Luca) presentano l’ultima cena di Gesù come un banchetto pasquale e di conseguenza suppongono che il giovedì dell’ultima cena sia, secondo il calendario ebraico, la sera del 14 del mese di Nisan. Il 14 di Nisan era il giorno dei preparativi pasquali con l’immolazione dell’agnello (“il primo giorno degli Azzimi, quando si immolava la pasqua”, Marco 14, 12)

Giovanni, invece, che non descrive l’ultima cena come un banchetto pasquale, dichiara che il venerdì della morte di Gesù era la “parasceve”, cioè la “preparazione” che apriva la festa di Pasqua al 14 di Nisan.

La domanda che ci si pone ora è: in che anno e giorno è morto Gesù?

Risponde Mario Iannaccone, esperto di Cristianesimo e collaboratore di “Medioevo”, “Il Timone”, “Studi Cattolici” e “Avvenire”.
 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.