Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 21 Settembre |
Santi Andrea Kim, Paolo Ghong e 101 compagni
home iconNews
line break icon

Quando il cervello non è sufficiente a spiegare la coscienza

ZENIT - pubblicato il 17/04/14

Intervista al prof. Massimo Gandolfini, perito consultore neurochirurgo presso la Santa Sede, autore del libro "I volti della coscienza"

“I volti della coscienza. Il cervello è organo necessario ma non sufficiente per spiegare la coscienza” è il titolo del libro del prof. Massimo Gandolfini, edito da Cantagalli, che, in 150 pagine, tratta un argomento enorme: la coscienza, un mondo che vale la pena esplorare. Gandolfini, è direttore del Dipartimento di Neuroscienze della Fondazione Poliambulanza di Brescia, vicepresidente nazionale dell’Associazione Scienza&Vita, oltre che perito consultore neurochirurgo presso la Santa Sede, membro di numerosi organi istituzionali a carattere bioetico.

Come nasce questo libro?
Gandolfini: Nasce perché la bibliografia sull’argomento delle neuroscienze, in particolare sulla coscienza, va letta alla luce delle nuove scoperte e delle tecnologie che le hanno permesse. Parliamo di neurobiologia della coscienza che è un’acquisizione molto recente. La bibliografia è molto ricca ma ha una tendenza molto riduzionista dal punto di vista antropologico e filosofico. 

Cos’è la coscienza?
Gandolfini: Il termine deriva da cum scire, sapere insieme: un equilibrio tra centro intellettivo, sensitivo, motorio ed emozionale. Aristotele è stato forse il primo ad affrontare il tema della coscienza che lui chiamò synderesis, dal greco syn, insieme, tereo, osservare, cioè esiste una funzione che ci permette di osservare e di mettere insieme tutti i percetti visivi. La coscienza è il grande tema della filosofia, in particolare della filosofia morale. Filosofi come sant’Agostino e san Tommaso l’hanno sempre definita funzione simbolica superiore. Oggi si parla di neurobiologia della coscienza.

Il cervello può spiegare la coscienza?
Gandolfini: No. Se questo fosse vero cadrebbe la libertà, il libero arbitrio; se cade la libertà cade la responsabilità. Oggi si sta parlando moltissimo di questo in branche delle neuroscienze; si sta pensando addirittura in ambito legale se possa avere un valore la prova di una certa costituzione del cervello per ridurre l’imputabilità del soggetto.

Coma, stato vegetativo, stato di minima coscienza. Di che si tratta?
Gandolfini: Sono disturbi della coscienza che dicono come siamo in grado di esercitare la nostra funzione cosciente. I due termini fondamentali della coscienza sono la consapevolezza e la veglia. I disturbi della coscienza vanno distinti chiaramente. Il coma è lo stato di abolizione della coscienza nelle sue funzioni somatiche. Il paziente è immobile ad occhi chiusi, non risvegliabile ed in assenza di risposte finalizzate a stimoli esterni. Qualsiasi altra fattispecie di disturbo della coscienza che non ha queste caratteristiche non è coma.

Quanto dura il coma?
Gandolfini: Oggi con le tecniche intensivistiche di rianimazioni un coma non più di 6-8 settimane. Qualche giorno fa è ricorso l’anniversario della morte di Eluana Englaro. Durante quel periodo, cinque anni fa, si sentirono le bugie più universali che potessero esistere. Frasi del tipo: “E’ in coma da 17 anni”, ma non è per nulla così. Il coma non è una situazione indefinita che può durare nel tempo, ma una sorta di rotonda con delle uscite: prima o poi bisogna prenderne una. La prima è la morte; poi una continua ripresa fino ad arrivare alla guarigione, più o meno completa. Infine lo stato vegetativo (SV) quando questa parabola che porta verso la piena guarigione s’interrompe. Dopo 6-8 settimane una di queste strade necessariamente si apre.

Cos’è lo Stato Vegetativo?
Gandolfini. È uno stato di non evidenza di consapevolezza, caratterizzato da una grave lesione della coscienza durante la quale il paziente è sveglio, ha gli occhi aperti e un contatto indefinibile con l’ambiente. Gli studi ci vanno svelando un mondo prima ignoto. E la terminologia sta cambiando. Il termine vegetativo nell’immaginario collettivo, è uguale a vegetale, cioè quella persona cessa di appartenere alla specie umana e passa direttamente al regno vegetale. Questo ha delle ricadute nella mentalità e nella cultura pubblica. Innanzitutto non si può più chiamare permanente-persistente perché sono almeno una trentina i casi di risveglio trattati e documentati dopo 10 anni di SVP. Bisognerebbe chiamarlo “sindrome della veglia non responsiva” o “disturbo prolungato di coscienza”. Questi pazienti sono svegli, ricevono sicuramente una percezione da stimoli esterni; è come se ci fosse un versante afferente a loro, ma non sono in grado di comunicare che tipo di stimolo è arrivato.

  • 1
  • 2
Tags:
bioeticacervellocoscienzafede e scienza

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni