Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 29 Novembre |
Santa Caterina Labouré
home iconApprofondimenti
line break icon

Non lasciamolo solo

ALBERTO PIZZOLI

Giuseppe Savagnone - Tuttavia - pubblicato il 17/04/14

I gesti e le priorità di Papa Francesco sono una sferzata per tutti. Ma nella Chiesa, lo seguono tutti?

Sono convinto che papa Francesco, senza negare la continuità con il passato e con i suoi predecessori, sta operando per rinnovare profondamente la vita della Chiesa.

Osservo di passaggio che entrambe le tesi contenute in questa affermazione hanno oggi un buon numero di oppositori. C’è chi ritiene Francesco un “picconatore” irresponsabile che, accecato dall’ebbrezza della popolarità, sta mandando l’istituzione ecclesiastica allo sbaraglio. E c’è chi, al contrario, si affanna a sostenere che nei comportamenti e nel messaggio del nuovo pontefice non c’è nulla di diverso da quello che avevano fatto e detto i papi precedenti. Le pretese innovazioni sarebbero solo il frutto di interessate strumentalizzazioni da parte di chi vorrebbe contrapporre il nuovo papa alla Chiesa, così come è sempre stata e sempre sarà.

Personalmente ritengo entrambe queste posizioni, alla luce dei fatti, insostenibili.

La prima, perché la rivoluzione a cui stiamo assistendo non si svolge a livello dei princìpi dogmatici ed etici, che Francesco non si stanca di ribadire, ma di quella loro interpretazione pratica, spesso distorta, che ne ha oscurato  in molti casi il vero significato. Se da questo sforzo qualcosa emerge, non è una minore, ma una maggiore fedeltà alla tradizione cristiana e a quella specificamente cattolica.

La seconda posizione – peraltro smentita dalla precedente – è altrettanto infondata, perché è evidente che, pur non innovando i princìpi,  il papa li sta riproponendo in forme molto diverse da quelle in uso nel passato. Che poi ci sia chi strumentalizza questo per i propri scopi, non toglie nulla alla carica di novità che questo pontificato sta rappresentando.
Un esempio che evidenzia quanto vado dicendo può essere quello che riguarda il tema della povertà.
L’importanza di “ripartire dagli ultimi” non è certo un’invenzione del papa argentino. Da tempo, ormai, il magistero insisteva su questo punto. Ma, fino a questo momento,  il problema dei poveri non aveva occupato, a dispetto delle enunciazioni teoriche, un posto centrale. Si era insistito di più sul problema della morale sessuale, sui temi della bioetica, sulla libertà di insegnamento. Tutte cose importantissime! Ma l’averle proposte sotto il titolo di “valori non negoziabili” ha avuto come inevitabile contraccolpo quello di far ritenere “negoziabili”, o almeno non essenziali, tutti gli altri valori, primo fra tutto quello della giustizia nei confronti dei poveri.

Si potrà dire che quelli erano i valori più immediatamente minacciati nel nostro tempo. Basta guardare la realtà, però, per rendersi conto che anche le disuguaglianze sociali e le ingiustizie dilagano nel mondo contemporaneo. In ogni caso, Francesco ha spiegato con grande chiarezza di non volere minimamente  misconoscere l’importanza di quei problemi, ma solo di volerli contestualizzare in una più ampia visione, che includa e sottolinei anche la “non-negoziabilità” degli altri. E, in particolare per quanto riguarda la povertà, ha cominciato a valorizzarla con i propri comportamenti, a partire dal suo personale stile di vita, prima ancora che con le parole. Poi ha decisamente e apertamente criticato il capitalismo e il consumismo, ricordando che il Vangelo è incompatibile con il culto del profitto e con l’egoismo sociale.
Nulla che non sia nella tradizione cristiana e nell’insegnamento dei suoi predecessori, da Giovanni XXIII a Benedetto XVI. Solo che ora il messaggio viene esplicitato e portato in primo piano.  Quanto questo sia poco usuale, nella Chiesa, lo dimostra il fatto che il papa ha dovuto difendersi dall’accusa di essere “comunista”! In realtà, è proprio la sua estrema fedeltà a una tradizione che, fin dai padri della Chiesa, ha insistito moltissimo sulla relatività del diritto di proprietà – che deve essere al servizio dell’uso comune (i ladri sono coloro che detengono il superfluo, spiegano S. Ambrogio e S. Giovanni Crisostomo) – a rendere Francesco effettivamente innovatore.

  • 1
  • 2
Tags:
collegialitaconcilio vaticano iipapa francescoriforma curia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
FIRST CENTURY HOUSE AT THE SISTERS OF NAZARETH SITE
John Burger
Archeologo britannico pensa di aver trovato l...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Pape François audience
Gelsomino Del Guercio
"Benedizione Urbi et Orbi del Papa". Attenti,...
Amy Brooks
5 ragioni per cui indosso la Medaglia Miracol...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni