Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 07 Dicembre |
Sant'Ambrogio
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Rimedi contro la disfunzione erettile: che ne pensa la Chiesa?

© mast3r/SHUTTERSTOCK

Emanuele D'Onofrio - Aleteia - pubblicato il 16/04/14

Un nuovo farmaco, già in farmacia, ci invita a fare il punto su quale sia il rapporto tra sessualità, chimica ed etica cattolica

È in commercio da un mese, e garantisce un effetto veloce ma duraturo. L’ultimo ritrovato contro la disfunzione erettile agisce in 15 minuti, dimezzando il tempo impiegato dai farmaci precedenti, ed ha un’efficacia che raggiunge le 6 ore. La pillola, la prima prodotta da un’azienda italiana, la Menarini, contiene il principio attivo Avanafil, il più largamente tollerato ed efficace per tutte le categorie di pazienti. Sono otto su dieci, secondo uno studio pubblicato sulla rivista International Journal of Clinical Practice, i pazienti, anche interessati da un grado severo di disfunzione erettile, a reagire bene al farmaco.

Questo genere di rimedi farmacologici, utilizzati dalla gran parte dei tre milioni di italiani interessati da questa problematica, ha sicuramente un impatto sulla visione della sessualità dal punto di vista dell’etica cattolica. Ne abbiamo parlato con padre Maurizio P. Faggioni, ordinario di bioetica presso l’Accademia Alfonsiana di Roma, e consultore dal 1999 della Congregazione per la Dottrina della Fede.

In generale, qual è il punto di vista della morale cattolica sui farmaci di supporto alle funzioni sessuali?

Faggioni: Partiamo dall’idea che ciò che riporta l’organismo ad un’ideale normalità, che ripristina la funzione naturale, è da ritenersi buono in generale. E la funzione sessuale è una funzione naturale. Se una donna ha una disfunzione mestruale, le diamo un farmaco che la regolarizza; oppure se c’è un problema di carenza di ormone tiroideo, le si somministra l’ormone sostitutivo; così, se c’è una disfunzione erettile la correggiamo, perché fa parte della vita normale delle persone, soprattutto in età giovanile e matura, avere una funzione adeguata che possa permettere una vita sessuale soddisfacente. Si tratta non di modificare la struttura naturale della persona, ma di riportare la persona, quando c’è una condizione patologica, ad un’ideale normalità.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
bioeticaimpotenzamatrimoniosessualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni