Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Mi sono confessata ed è come se avessi ritrovato tanti amici che mi aspettavano”

Jim Forest / Flickr / CC
Fr Meletios Webber in a confessional conversation with Gregory (St Nicholas of Myra Russian Orthodox Church, 29 April 2007)
Condividi

San Bernardo: “Non sono mai meno solo di come quando sono solo”

Caro Padre Angelo,

nella mia vita Gesù c’è sempre stato ma adesso mi sembra di avere una consapevolezza diversa di Lui, più profonda, come se il mio Gesù stesse aspettando che io lo riscoprissi. Tutto è avvenuto perché erano tanti anni che non mi confessavo ed altrettanti che portavo questo peso dentro di me che si era fatto insopportabile: non riuscivo a godere più di nulla tanto mi sentivo a disagio nei confronti di Dio, era diventato un pensiero fisso che mi assillava e mi dava il batticuore dalla mattina alla notte. Ho pensato che questo era il modo attraverso il quale il mio misericordioso e paziente Gesù mi stava dicendo di tornare da Lui. Naturalmente in questo lungo periodo non ho partecipato all’eucarestia pur andando sempre a Messa. Ma non partecipare alla mensa di Dio ogni domenica mi provocava una grande vergogna ai suoi occhi così buoni. Così ho preso la decisione di andare a confessarmi in occasione della scorsa Pasqua, il sabato Santo. Caro padre che sollievo, che gioia, che lacrime di felicità! Subito dopo ho avuto paura che quell’entusiasmo che tanto mi riempiva il cuore potesse essere solo momentaneo, ed ecco un’altra grazia del Signore: da allora questo meraviglioso stato d’animo non solo non è scomparso ma è cresciuto enormemente e mi ha messo addosso un desiderio di preghiera, di conoscenza delle scritture, di tenere il più possibile comportamenti che non dispiacciano al Signore, di leggere la vita dei santi, di stare in chiesa e tanto altro. Tutt’ora quando mi avvicino per ricevere l’eucarestia mi batte il cuore e ho gli occhi umidi, anche ora mentre le scrivo, ma mi creda, non è infatuazione, sono una persona piuttosto riflessiva ed equilibrata, sono solo felice di avere Gesù con me. Lo sa padre come mi sento? In compagnia! Come se avessi ritrovato tanti amici che mi aspettavano. Gesù, la Santa Madre di Dio, i santi gli angeli, le sante anime del Purgatorio per le quali ho una particolare devozione insieme a quella per la Divina Misericordia. Mi scusi se ho approfittato così tanto del suo tempo, era tanto che volevo farlo, sa? Vorrei chiederle una cosa, forse le sembrerò sciocca. Cerco di pregare il Santo rosario quando mi è possibile ma non credo che la mia corona sia benedetta, le mie preghiere sono comunque valide e giuste? Mi chiedo spesso questa cosa ogni volta che uso la mia corona per pregare, anche per la recita della coroncina alla Divina Misericordia che amo tanto. Le mie preghiere non possono essere state inutili, Dio ci ascolta attraverso il nostro cuore, no? Grazie padre caro di avermi ascoltata, pregherò per lei. Mi benedica padre e preghi per me affinché abbia presto il “coraggio” di tornare a confessarmi. Desidero che la confessione diventi per me un normale costume della mia vita e pregherò anche per questo.
La saluto con affetto e ancora grazie.
Maddalena
 


Cara Maddalena,

1. confessandoti, hai fatto uno dei guadagni più grandi della tua vita. Hai ricuperato lo stato di grazia e con lo stato di grazia hai cominciato a sentire la presenza personale di Dio e di tutti gli abitanti del paradiso dentro di te. Insieme con la presenza di Dio, con lo stato di grazia ti appropri dei meriti di Gesù Cristo e avverti di avere nelle tue mani un capitale preziosissimo.

2. Chi non ha mai fatto l’esperienza della grazia non sa che cosa sia quel senso di pienezza interiore che ti ha invaso.
Pensa che la solitudine e il vuoto siano l’esperienza comune. Invece non è così. Per questo chi perde la grazia, sente di aver perduto la cosa più preziosa della sua vita, quella senza la quale tutto il resto non vale nulla.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.