Aleteia
venerdì 23 Ottobre |
San Giovanni Paolo II
News

Ask.fm: chiedo aiuto ma chi mi risponde?

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 15/04/14

Il suicidio di due ragazzine in pochi mesi. Dai social pesanti insulti per entrambe e il tentativo di condividere un dolore inascoltato

Insicuri, in competizione con il proprio aspetto come tutti gli adolescenti e presi di mira in modo violento attraverso il web: è un identikit che potrebbe attagliarsi a migliaia di giovanissimi nel nostro Paese dove il cyberbullismo è un fenomeno sempre più allarmante tanto che si aprono ambulatori ad hoc per aiutare vittime e aggressori. Quando si arriva in tempo. Perché può anche succedere che per qualcuno la pressione sia troppo forte e il suicidio un mezzo per trovare la libertà. E’ il caso, almeno secondo le prime indagini dei carabinieri, di una ragazzina di 14 anni trovata morta due giorni fa nel giardino di casa sua a Venaria (Torino).

“Cesso, vatti a nascondere, dimostri 10 anni, sei la vergogna delle ‘2000’ (cioè le ragazzine nate nel Duemila”: dai profili su social network della ragazza, e in particolare su ask.fm, emerge che negli ultimi tre mesi era stata oggetto di invettive via web legate al suo aspetto fisico mentre altri insulti la descrivevano come una ragazza “facile” (Repubblica.it  14 aprile).  Anche lei non si sentiva bella – perché piccola e mingherlina probabilmente come conseguenza di una patologia renale e problemi cardiaci verificatisi al momento della nascita – e lo scriveva anche sui social network, soprattutto “quando qualcuno provava a farle dei complimenti” (Repubblica.it 14 aprile).

I genitori, ovviamente sconvolti, non sapevano nulla di questi problemi e non sanno spiegarsi il gesto estremo. I carabinieri, che hanno sequestrato cellulare e pc della ragazzina, non si sbilanciano: spiegano che faranno approfondimenti sui contenuti del pc e sui messaggi perché bisogna vedere chi li scriveva e perché (Repubblica.it 14 aprile).

Poco più di due mesi fa la stessa cosa era successa a un’altra quattordicenne di Cittadella (Padova). Anche Amnesia – questo era il suo nome sui social – aveva ricevuto insulti pesanti via web. “«Cosa stai aspettando?» «Di morire», rispondeva lei. Un flusso continuo di botta e risposta. Condito da insulti e inviti: «Secondo me tu stai bene da sola!!!!!!!!!!! fai schifo come persona!!!», «spero che uno di questi giorni taglierai la vena importantissima che ce sul braccio e morirai!!!! » (scritto così nel sito, ndr). Senza risparmiarle pesanti allusioni sessuali e proposte oscene, che lei respingeva con battute acide. In questi mesi Amnesia ha risposto 1148 volte alle domande che le arrivavano su Ask. Fino a 9 giorni fa. Poi tutto si è interrotto” (mattinopadova.it 11 febbraio).

Anche Amnesia, infatti, ha deciso di lanciarsi nel vuoto per sfuggire a un dolore che confidava inutilmente sui social, con il solo effetto di diventare ancora una volta oggetto di attacchi. “L’accusa di non fumare davvero, di non bere come tutti gli altri: «Sei una ritardata, grassa e culona, fai finta di fumare, ma non aspiri, fai finta di bere, ma non bevi, fai finta di essere depressa per attirare l’attenzione, sei patetica». Con il senno di poi tanti piccoli segnali, tante richieste di aiuto. «Cosa credi che accada dopo la morte? Non lo so diosss, ogni tanto ci rifletto anche D:». «Dove pensi che vivrai tra cinque anni? Vivrò tra 5 anni? wow :’)». «Qual è l’ultimo libro che hai letto? Il diario di una ragazza suicida (stupendo tra l’altro)». E quella storia dei tagli sulle braccia, fatti con un temperino. La tempestavano di richieste di foto delle ferite. Aveva ceduto ma poco dopo aveva tolto l’immagine. «Secondo me, i tagli sono tutti delle piccole bocche che gridano aiuto», ammette. «Ti tagli solo per farti vedere…», insistono. «Sì certo, mi rovino la vita solo per farmi vedere, rovino tutto il mio corpo, al punto di non ricordarmi più com’era la mia pelle normale, solo per farmi vedere, certo, è come dici tu, sì», risponde ironica (mattinopadova.it 11 febbraio).

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
bullismosocial networksuicidio
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
i.Media per Aleteia
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa su coppie gay: serve una "legge di co...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOMAN, NECKLACE, GOLD
Annalisa Teggi
Disoccupata con 4 figli paga il medico con un...
Gelsomino Del Guercio
6 frasi di Papa Francesco sulle persone omose...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni