Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 28 Febbraio |
San Gabriele dell'Addolorata
home iconChiesa
line break icon

L’uomo delle beatitudini

Public Domain

<font color="#FF8040" size="2">Jesus delivers the Eight Beatitudes (Sermon on the Mount) -<br /> by ROSSELLI, Cosimo -<br /> from Cappella Sistina, Vatican</font>

Dimensione Speranza - pubblicato il 14/04/14

Le beatitudini assumono nel vangelo di Matteo il valore di una Magna charta

Le beatitudini, presenti anche nel vangelo di Luca (6,20-23), assumono nel vangelo di Matteo il valore di una Magna charta. Esse acquistano un’importanza eccezionale e una rilevanza preminente all’interno dell’insegnamento di Gesù non solo perché sono collocate come un frontespizio nel primo dei cinque grandi discorsi (Mt 5,1-12), ma anche perché la loro forma, la loro scansione ritmata, e principalmente il loro contenuto fortemente evocativo rendono il testo di particolare incidenza per il lettore.

All’interno del vangelo di Matteo le beatitudini costituiscono il primo insegnamento di Gesù. I discepoli, dopo essere stati chiamati da lui a seguirlo per una comunione di vita e per la missione (14,18-22), risultano gli uditori privilegiati del suo insegnamento, poiché essi vengono descritti più vicini a lui e distinti dalla folla nell’ascolto della sua parola: «Vedendo le folle, Gesù salì sulla montagna e, messosi a sedere, gli si avvicinarono i discepoli» (5, 1). Tuttavia il discorso non è diretto esclusivamente al gruppo più ristretto dei discepoli, ma a tutti. Le folle nell’ascoltare, ma soprattutto nel vivere il discorso della montagna che ha come parte iniziale le beatitudini, entrano anch’esse a far parte del gruppo dei discepoli.

La beatitudine

Le beatitudini evangeliche affondano le loro radici religioso-spirituali nelle proclamazioni di esultanza che si ritrovano nella tradizione biblica, sia testi storici che profetici, ma particolarmente nei sapienziali e nei salmi (25 volte).

Si incontrano beatitudini che sono delle dichiarazioni di felicità umana: «Lia disse: "Per mia felicità! Perché le donne mi diranno felice". Perciò lo chiamò Aser» (Gn 30,13), o di esultanza spirituale: «Tu beato Israele! Chi è come te, popolo salvato dal Signore?».

Ciò che colpisce nel confronto tra le beatitudini dell’Antico Testamento e il testo matteano è la forma "seriale" di quest’ultimo. Sebbene nella tradizione biblica si ritrovino delle beatitudini multiple (Sal 84,4-5; 119,1-2; 128,1-2; Sir 14,1-2; 25,8-9), non si riscontra mai una sequenza così numerosa di dichiarazioni di felicità come nel testo del primo vangelo.

Il termine "beatitudine" è sinonimo di quella suprema felicità e realizzazione di se che la persona ottiene quando viene raggiunta dall’ azione di Dio che si manifesta nel vangelo attraverso la persona e la missione di Gesù: «Beati i vostri occhi perché vedono e i vostri orecchi perché sentono. In verità vi dico: molti profeti e giusti hanno desiderato vedere ciò che voi vedete e non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, e non l’udirono» (Mt 13,16-17).

I poveri in spirito

Il destinatario della prima beatitudine è un gruppo caratterizzato come «i poveri in spirito». L ‘espressione, così com’è riportata nel testo di Matteo, non si riscontra né nell’ Antico né nel Nuovo Testamento.

La tradizione biblica per indicare il «povero» utilizza diversi termini (‘āni; dal; ‘ebjōn; râsh; mišken) che acquistano il loro valore a seconda del contesto e possono definire una povertà sia materiale che psicologico:spirituale. Nell’ esperienza biblica i poveri assumono un ruolo non certo irrilevante. Essi sono i destinatari della misericordia di Dio che si rende presente attraverso l’attenzione dei propri connazionali; ne sia un esempio il precetto, forse ideale, dell’anno sabbatico: «Per sei anni seminerai la tua terra e ne raccoglierai il prodotto, ma nel settimo anno non la sfrutterai e la lascerai incolta: ne mangeranno gli indigenti del tuo popolo» (Es 23,10-11; cf Lv 19,9; Dt 15,7-11).

Prendendo in considerazione la Bibbia greca (LXX) incontriamo il termine «povero» (ptōchôs) sette volte nei salmi (24,16; 39,18; 68,30; 69,6; 85,1; 87,16; 108,22), Si tratta sempre di un’affermazione del salmi sta sulla propria situazione: «Volgiti a me e abbi misericordia, perché sono solo e povero» (24,16), Il riconoscimento della propria miseria introduce e motiva la richiesta dell’aiuto di Dio o il ringraziamento per averlo ottenuto. La situazione di povertà non è data tanto dalla mancanza di mezzi materiali, quanto da circostanze di seria minaccia per la vita dell’uomo a causa dei nemici o de peccato. L’affermazione della propria povertà dimostra che colui che parlane è consapevole; perciò nell’invocazione salmica esprime il bisogno dell’aiuto di Dio e quindi la dipendenza da Lui.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Tags:
antico testamentobeatitudinidiscepolimissionepovertà
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
4
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
5
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
6
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni