Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 23 Settembre |
San Pio da Pietrelcina
home iconStile di vita
line break icon

Testimonianza di una donna maltrattata: amare e perdonare per amor di Dio

© Giuseppe Bognanni

Portaluz - pubblicato il 10/04/14

Suo marito la aggrediva per vari motivi; credeva che lei gli nascondesse la droga

Jacqueline Bazaéz è una donna di 46 anni nata e cresciuta a Los Andes (Cile), madre di tre figli e vedova da sei anni. La sua passione per la cucina le ha permesso di lavorare vendendo pasti nelle scuole e in altri luoghi della zona. Jacqueline oggi è felice, si alza ogni mattina alle cinque per iniziare a lavorare e la prima cosa che fa è pregare. “Dio mi ha dato una seconda opportunità. La mia vita era molto travagliata, ero in un circolo vizioso… Dio mi ama tanto da avermi detto: ‘Svegliati, donna!’”.

Quando è iniziata la relazione con il marito, lei gli ha detto un po’ per scherzare: “Non innamorarti di me, perché ti farò soffrire”, ma la storia è andata al contrario. Ha già perdonato e si riferisce a lui come a un uomo molto intelligente, giovane e con una grande voglia di vivere, con un talento innato per la pittura.

Nessuna aggressione o la propria depressione può abbattere la sua fede

Jacqueline non ha mai pensato che quella bella amicizia con Óscar – che poi sarebbe diventato suo marito – avrebbe potuto trasformarsi in una relazione d’amore. Entrambi erano giovani pieni di speranze. Óscar studiava Medicina, Jacqueline era molto amica di sua madre e tanti bei momenti hanno caratterizzato l’inizio di questo nuovo cammino di vita.

La storia, però, ha iniziato a diventare complessa dopo aver saputo che la suocera aveva il cancro. “La signora Nancy era tutto per Óscar”, ha detto commossa. Senza pensarci molto, hanno deciso di darle un nipote, per regalarle la gioia di essere nonna. È nata una bella bambina, anche lei chiamata Nancy. Ci sono state gioia e speranze, ma poco dopo la nonna è morta di tumore.

I motivi del cambiamento nell’anima di Óscar si ritrovano nella sua storia… forse il fatto di aver sofferto per anni per un padre violento e alcolizzato, o la scarsa tolleranza alla frustrazione, l’eredità e ciò che egli stesso aveva costruito o meno con la sua anima, perché non aveva nemmeno un legame solido con Dio. La cosa certa è che il marito di Jacqueline si è rifugiato nella droga, e rivelandosi, ferito, ha aperto la porta all’ira…

“Ha iniziato a picchiarmi, arrivava a casa e mi aggrediva per varie ragioni, credeva che gli nascondessi la droga. Mi esaminava tutta, mi denudava, ma non trovava niente! Consumava droghe pesanti, come la cocaina, ed era anche alcolizzato. Io porgevo sempre l’altra guancia, era mio marito, e sono sprofondata in una grande depressione”.

Jacqueline ha vissuto la sua notte buia e ha cercato varie volte di togliersi la vita. “Mi sentivo un ostacolo, pensavo di non valere nulla”. Senza lavoro, senza entrate proprie, la sua autostima era quasi nulla.

Il suocero nel quale ha cercato aiuto perché consigliasse Óscar giustificava il figlio. Peggio ancora, quando Jacqueline, picchiata, chiedeva aiuto alla polizia, questa arrivava, ma vedendo che l’aggressore era suo marito, figura pubblica in quella piccola città cilena, le diceva di tranquillizzarsi, di andare a dormire… quando l’unica cosa che provava lei era paura e voglia di scappare, come ha ricordato.

Nel 2008 Óscar, vittima delle sue dipendenze, è morto per overdose.

Jacqueline ricorda che in quel momento si è aggrappata a Dio, e nel silenzio della sua anima ha sentito che Gesù la riempiva e ha potuto vedere il marito con altri occhi e perdonarlo. Il sentimento d’amore è sopravvissuto alla tempesta. “Era un uomo buono, ma era malato. Come molti medici che si credono potenti, saggi, non credeva in Dio”, ha affermato.

Dal profondo a te grido, o Signore

Una nuova prova di fede è arrivata quando, non appena seppellito il marito, è stata accusata dal suocero in tribunale di essere tossicodipendente. Cercavano di toglierle la tutela delle figlie, ma gli esami medici hanno dimostrato la verità.

  • 1
  • 2
Tags:
ciledrogafedesperanzavedova
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
5
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
6
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
7
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni