Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Billings, un metodo che cambia la vita delle coppie

Public Domain
Condividi

John Billings si è reso conto che il sintomo più preciso della fertilità è una secrezione che la cervice produce nei giorni vicini all’ovulazione

María García si considerava una “cattolica moderna”. Suo marito Juan e lei avevano progettato di avere quattro figli, e avevano concordato sul fatto che il modo migliore di evitarne altri era la pillola anticoncezionale.

Sia questo metodo che altri contraccettivi che hanno usato non hanno tuttavia avuto buon esito, e le gravidanze si sono succedute una dopo l’altra. María si è informata e le hanno detto che il metodo più efficace era il dispositivo intrauterino (che inoltre è abortivo), per cui ha deciso di provarlo.

Ha iniziato ad avere rimorsi di coscienza, ma come ha spiegato “quando sappiamo che stiamo facendo qualcosa di male troviamo sempre ragioni per giustificarci: la mia teoria era che avevo avuto già tre figli in tre anni, e quindi Dio mi avrebbe capita se avessi usato questo dispositivo”.

Dopo sei anni è stata incoraggiata a imparare il Metodo di Ovulazione Billings (MOB), una forma naturale di riconoscimento della fertilità, ma lei non era disposta a fare esperimenti: “Sono una donna ‘moderna’, e so che i metodi naturali non funzionano, per cui preferisco usare un metodo attuale, efficace e semplice”, si diceva.

Alla fine, però, l’hanno convinta spiegandole che il MOB non era il metodo del ritmo (noto come Ogino), ma uno dei più moderni ed efficaci, basato sulla scienza, e che tra l’altro era conforme agli insegnamenti della Chiesa cattolica. Da allora tutta la sua vita è cambiata.

“Ci ha dato pace sapere che la mia salute non veniva danneggiata, e ci ha permesso di condividere la responsabilità della genitorialità – fino ad allora, era il suo corpo che portava il peso della contraccezione –, e inoltre potevamo continuare ad essere una ‘coppia moderna’, visto che stavamo usando uno dei metodi più efficaci e scientifici a disposizione”.

Grazie al MOB, María e Juan hanno scoperto il dono che rappresentava un nuovo figlio e hanno iniziato a vivere un’autentica apertura alla vita: “Avevamo progettato di avere quattro figli, ma da allora se il progetto di Dio era che ne avessimo di più eravamo entrambi aperti a questa possibilità”.

Ma in cosa consiste questo metodo che è capace di trasformare a tal punto la vita di una coppia?

Sessant’anni di storia

La storia del MOB inizia nel 1953, quando un giovane medico australiano di nome John Billings cominciò a collaborare con un frate incaricato dall’arcivescovado di Melbourne di aiutare coppie cattoliche con gravi problemi clinici a rimandare una gravidanza.

All’epoca c’erano solo due mezzi di riconoscimento della fertilità compatibili con il modo cristiano di vivere il matrimonio: quello del ritmo e quello della temperatura, ma entrambi avevano forti punti deboli, ed esistevano poi tappe nella vita della donna (come l’allattamento o la menopausa) in cui questi metodi non apportavano alcuna informazione.

Per questo, le coppie accorrevano angosciate dal dottor Billings e gli spiegavano: “Il mio medico ci ha detto che dobbiamo usare anticoncezionali o che uno dei due deve sottoporsi a sterilizzazione, ma siamo cattolici e sappiamo che è immorale. Può aiutarci?”.

Questa domanda calò profondamente in lui, spingendolo a sviluppare una propria ricerca sui periodi fertili e non fertili nel ciclo della donna.

Si rese presto conto che il sintomo più preciso della fertilità era una secrezione che la cervice produceva nei giorni vicini all’ovulazione.

“Ho iniziato a consultare le donne che venivano a chiedere il mio aiuto, e sono rimasto sorpreso vedendo che tutte loro rispondevano positivamente quando chiedevo loro della presenza di un flusso durante il ciclo diverso dalla mestruazione”, spiegò in un’occasione il medico.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni