Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Beato Giacomo Alberione
home iconStile di vita
line break icon

La Rosa Bianca, quei ragazzi che sapevano che “nessuno è innocente”

Sophie D Photography

Emanuele D'Onofrio - Aleteia - pubblicato il 09/04/14

Quali sono i valori di quell’esperienza validi ancora oggi?

Perrini: La cosa più bella e vitale di quest’esperienza è il fatto che siano ragazzi simili ai nostri. Erano giovani che non avevano mezzi, e vivevano un senso di impotenza molto diffuso tra i giovani d’oggi, che si dicono: “non posso cambiare niente”. Anche loro in parte lo pensavano. La cosa bellissima è che loro ce l’hanno fatta aiutandosi solo con i propri mezzi, con notti insonni, con caffè su caffè, andando a recuperare le buste o la carta (andare alle Poste per farne richiesta voleva dire, in caso di quantità sospetta, venire automaticamente indagati). Con vari espedienti e piccole bugie, con la fatica quotidiana e la forte spinta dell’amicizia riuscirono a darsi da fare con il ciclostile, in un clima allegro e festoso. Ci hanno insegnato che giovani che amano la vita possono pensare di perderla per dei valori che sono più in alto di loro. Non si sono lasciati piegare dall’impotenza e hanno pensato, anche un po’ ingenuamente, di spiegare alla popolazione attraverso dei volantini come stavano le cose e che qualcosa poteva cambiare. C’era una forte spinta utopica. Si sentivano addosso la responsabilità per quello che accadeva, sapevano che non si è mai innocenti quando si ha coscienza delle cose, anche quando uno pensa di avere le mani legate nel proprio piccolo qualcosa può fare, ed è qualcosa che può avere una reale incidenza. Per la ricostruzione morale della Germania questi ragazzi sono stati fondamentali, dato che nel ’43 la Royal Air Force ha lanciato su Berlino migliaia di copie del loro ultimo volantino. A noi hanno insegnato anche a guardare con gli occhi dell’altro e ai tedeschi di allora, che non avevano alcun interesse a rischiare la vita per denunciare che gli ebrei stavano morendo, che non si potevano tirare indietro.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
adolf hitlernazismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni