Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 12 Giugno |
Cuore Immacolato
home iconNews
line break icon

Eterologa liberalizzata: via libera alla compravendita procreativa

Jeffrey Bruno

Emanuele D'Onofrio - Aleteia - pubblicato il 09/04/14

Unita al caso di ieri della coppia di ritorno dall’India, la sentenza della Corte assume un peso particolare?

D’Agostino: Lì oltretutto i genitori erano quattro, perché in India hanno comprato l’ovocita e hanno affittato l’utero di un’altra donna: quindi ci sono il padre biologico, la madre sociale, la madre uterina e la madre genetica. Ci sono quattro figure genitoriali, quindi la cosa è pesante. Io insisto nel dire che adesso come adesso il valore simbolico di questa sentenza riguarda l’artificialità procreativa. Tuttavia, basta fare un piccolo passo avanti e accanto all’artificialità procreativa si potrebbe porre la contrattualità procreativa: se una coppia va in India, compra un bambino da una giovane donna che ha appena partorito, e lo fa registrare a proprio nome, lo porta in Italia, non è poi molto diverso dall’acquisire il bambino con la fecondazione artificiale. Obiettivamente oggi l’idea di commercializzare un bambino ci appare disgustosa; però in qualche modo ci stiamo avvicinando a questo stato di cose e quanto più deprimiamo il peso della fecondazione naturale, tanto più lasciamo spazio a fecondazioni tecnologiche o a compravendite procreative.

Come arriva a questo genere di decisioni la Corte Costituzionale?

D’Agostino: Bisognerà leggere la sentenza completa, ma a me appare chiaro questo: l’argomento che si è dimostrato vincente è quello secondo il quale le coppie bisognose dell’eterologa, essendo questa pratica proibita, sono discriminate rispetto alle coppie che invece hanno libero accesso alla fecondazione omologa. Quindi c’era una violazione dei diritti. L’errore della Corte è stato questo. È vero che dal punto di vista della sterilità una coppia che ricorre all’omologa è analoga a una coppia che dovrebbe ricorrere all’eterologa. Sono tutte e due coppie sterili, e qui l’analogia c’è. Dove non c’è l’analogia è nel bambino che nasce, perché il bambino che nasce dall’omologa ha due genitori soltanto e due genitori certi, il bambino che nasce dall’eterologa ha un donatore di gameti che è il suo genitore biologico, il più delle volte anonimo e sconosciuto. Cioè, ha tre genitori, o addirittura quattro. Allora l’argomento della discriminazione tra una coppia bisognosa di eterologa e le coppie bisognose di omologa è in realtà fallace. Non c’è affatto discriminazione, se vediamo il fenomeno dal punto di vista del bambino che nasce. La Corte ha evidentemente perseguito una vecchia linea che è quella che ha trionfato per la legge sull’aborto, secondo cui il nascituro non è oggetto di tutela giuridica. Finché non nasce, il bambino è un fantasma giuridico; sono solo i soggetti, in questo caso le coppie sterili, ad avere diritto a considerazione. Partendo da questo presupposto la Corte ha cancellato il divieto di fecondazione eterologa.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
bioeticafecondazione assistita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
3
Histórias com Valor
Bambino uscito dal coma: ho visto la mia sorellina abortita
4
Claudio De Castro
Sono andato a Messa distratto, e Gesù mi ha dato una grande lezio...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni