Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 10 Maggio |
Santa Louise de Marillac
home iconNews
line break icon

Quanto ci costa lo stress!

© pixologic

Aleteia - Il Sole 24 Ore - pubblicato il 08/04/14

Secondo l'UE è il secondo problema di salute collegato al lavoro e costa 240 miliardi all'anno. Perché?

L'Ue lancia l'allarme: lo stress diminuisce la produttività e costa 240 miliardi di euro all'anno, poco meno della metà di questa somma è investita in cure mediche. E' il secondo problema di salute collegato al lavoro dopo i dolori muscolari e ossei.

Effetti negativi
«Lo stress oltre a danneggiare la salute dei lavoratorha effetti negativi anche sulle imprese Ue» ha dichiarato Laszlo Andor, Commissario Ue per il Lavoro. Il 28% dei lavoratori in Ue negli ultimi nove anni è stato esposto a danni psicologici che hanno avuto pesanti conseguenze sul benessere psico-fisico.

Campagna di prevenzione
L'agenzia Ue per la sicurezza e la salute sul lavoroha lanciato una campagna "Healthy Workplaces", si tratterebbe secondo la Commissione Ue, della più grande campagna europea, se non mondiale. Obiettivo è la sensibilizzazione di dirigenti e capiufficio «La perdita di posti di lavoro è causata spesso dallo stress, i benefici ricavati dalla prevenzione del fenomeno aiuteranno anche le imprese». L'Unione Europea investirà quattro milioni per due anni di campagna di prevenzione, due milioni all'anno da sommare ai fondi con cui ogni stato membro contribuirà. «Un ambiente di lavoro positivo non è solo un' importante garanzia per allungare l'età lavorativa, ma assicura buona salute ai lavoratori anche quando andranno in pensione» ha commentato il Commissario Ue per il Lavoro.

Vivere per il lavoro o lavorare per vivere?
Lo stress è dovuto spesso alle esagerate aspettative sul lavoro. La società ci ha condizionato, trasmettendoci che il lavoro è tutto, è la cosa più importante della vita. E' il luogo dove una persona si può realizzare totalmente. Evidentemente non è così. Il lavoro è uno strumento. Utile, nobile, che dà spessore alla vita umana. Ma non è il fine del vivere. E' una co-partecipazione alla costruzione del Regno di Dio, avendo bene in mente che noi siamo le creature e non i creatori.

Tags:
lavororegno di diosalutestress
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
2
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Gelsomino Del Guercio
Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converteR...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Mar Dorrio
Come trarre profitto spirituale dai momenti negativi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni