Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 16 Maggio |
Ascensione
home iconChiesa
line break icon

Cristiani perseguitati per la propria fede in Egitto

© ARIS MESSINIS / AFP

Ary Waldir Ramos Díaz - Aleteia - pubblicato il 08/04/14

Intervista al vescovo dei copti cattolici di Luxor sulla violenza scatenata contro le minoranze religiose nel Paese

Papa Francesco ha ricordato in varie occasioni i cristiani perseguitati per la propria fede in tutto il mondo, chiedendo la preghiera e l’azione per migliorare le condizioni di vita di questi fratelli oppressi.

Le Chiese orientali cattoliche in Paesi a maggioranza islamica soffrono anche per la violenza settaria. Aleteia ha intervistato monsignor Joannes Zakaria, vescovo di copti cattolici di Luxor (Egitto).

I cristiani pregano e digiunano per la pace nel Paese. La Chiesa locale difende la vita indipendentemente dal fatto che si tratti di musulmani o persone di altre religioni, ed è impegnata contro la pena di morte, come ha confermato il presule.

Monsignor Zakaria, perché i gruppi estremisti islamici stanno scaricando la propria rabbia contro la comunità cattolica?

Gli estremisti islamici sfogano la propria rabbia contro i cristiani egiziani – cattolici, ortodossi e protestanti – perché accusano i cristiani del Paese di essere contro la legge islamica e il governo dei Fratelli Musulmani. Li accusano di sostenere l’esercito egiziano e di aiutare ad abbattere il Presidente Mohamed Morsi.

Alcuni estremisti, in Egitto e in tutto il mondo islamico, ritengono poi i cristiani degli infedeli che devono essere convertiti all’islam: o lasciare il Paese, o pagare il tributo, o affrontare la morte.

Dall’altro lato, la Corte di Minya sta valutando la pena di morte per 529 persone che sostenevano i Fratelli Musulmani. Qual è la posizione della Chiesa locale sulla situazione dei prigionieri, che corrono il rischio di essere giustiziati?

Stiamo parlando di un giudizio di primo grado e non di uno definitivo o finale. C’è la possibilità che siano giudicati una seconda volta e anche una terza. Il numero dei condannati a morte è 529, ma quelli che si trovano in carcere sono 149, gli altri sono contumaci.

La posizione della Chiesa locale è la stessa della Chiesa universale. La Chiesa è sempre contraria alla pena di morte. Dal punto di vista della coscienza cristiana, la pena capitale non è il modo migliore per risolvere il problema della criminalità e della presenza dei malvagi al mondo.

I Paesi sviluppati trattano i criminali con programmi educativi per riscattarli e aiutarli a cambiare vita. Li aiutano a tornare alla normalità.

Qual è la situazione attuale in Egitto, e come influisce sulla vita quotidiana della comunità cattolica e in generale sulla pace nel Paese?

La situazione attuale non è buona. Ovunque in Egitto si verificano atti di violenza, furti, disordini, vandalismo e manifestazioni contro i cristiani, il Governo, l’esercito e le forze dell’ordine. Questa situazione tragica va avanti da tre anni, ma cerchiamo di agire con prudenza e di tenerci lontani da questi pericoli.

La comunità cattolica, cristiana, sta vivendo un momento di intensa preghiera e digiuno. Questo sta rafforzando la speranza dei fedeli, che chiedono al Dio della pace di far tornare la vera pace in Egitto e in tutto il mondo.

Sono state organizzate anche varie riunioni in diverse parrocchie per discutere su come vivere pacificamente insieme, cristiani e musulmani, e su come collaborare per il bene della società egiziana e per un futuro migliore. Nelle scuole cattoliche, i responsabili cercano di educare gli studenti e i bambini a vivere insieme in pace e armonia.

Al termine dell’intervista, il vescovo ha chiesto un ricordo nella preghiera per lui e per la comunità della diocesi.

Hanno collaborato a questo servizio Tony Assaf, editore dell’edizione araba, e Ary Waldir Ramos Díaz di Aleteia.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
egittolibertà religiosapersecuzione cristiani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni