Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 16 Aprile |
Santa Bernadette Soubirous
home iconChiesa
line break icon

La sostituzione di Giuda

Public Domain

Dimensione Speranza - pubblicato il 07/04/14


Questo sviluppo della narrazione lascia emergere due dati importanti a proposito dell’ evento:

1) la sostituzione di Giuda è un’iniziativa apostolica che non ha come supporto un preciso comando di Gesù: se infatti una qualche parola del Maestro ci fosse stata Luca l’avrebbe sicuramente ricordata accanto all’altro comando e Pietro non avrebbe avuto bisogno di motivare scritturisticamente l’evento;

2) le ragioni di questa importante decisione della chiesa apostolica sono da rintracciare nel discorso introduttorio di Pietro: esso, infatti, fu talmente convincente da non suscitare alcuna obiezione.

È proprio da qui che partiremo per capire il senso dell’avvenimento.

2. La vicenda di Giuda alla luce della Scrittura

L’argomentazione di Pietro a favore della sostituzione di Giuda prende avvio da una lettura «teologica» del dramma vissuto da questo personaggio: «Era necessario che si compisse ciò che nella Scrittura fu predetto riguardo a Giuda … » (v. 16).

A proposito dell’apostolo traditore desta una certa sorpresa il racconto della sua morte (con relativa connessione al «campo di sangue»), in quanto testimonia una versione diversa da quella più conosciuta riportata dal primo vangelo (Mt 27,3-8). Mentre Matteo parla di suicidio, Luca, per bocca di Pietro, descrive la morte di Giuda come una disgrazia; mentre per Matteo il «campo di sangue» deriva il nome dal «prezzo di sangue» con cui è stato pagato, per gli Atti esso si chiama così a causa del sangue di Giuda di cui si è imbevuto per la rovinosa caduta di lui.

In questa sede, più che determinare il grado di storicità delle due tradizioni, mi sembra utile far notare che la versione di Atti (= caduta a capofitto di Giuda e disseminazione delle sue viscere per terra) ha una forte familiarità con un brano del libro della Sapienza, che parla della morte prematura del giusto, causata dall’odio degli uomini: «Le folle vedranno la fine del saggio, ma non capiranno ciò che Dio ha deciso a suo riguardo, né in vista di che cosa il Signore l’ha posto al sicuro. Vedranno e disprezzeranno, ma il Signore li deriderà. Alla fine diventeranno un cadavere spregevole, oggetto di scherno fra i morti per sempre. Dio infatti li precipiterà muti, a capofitto, e li schianterà dalle fondamenta: saranno del tutto rovinati, si troveranno tra dolori e il loro ricordo perirà» (Sap 4,17-19).

Il dato ci fa supporre che Pietro voglia suggerire subito, prima ancora di citarla esplicitamente, la Scrittura come chiave interpretativa della figura di Giuda. La disgrazia che ha colpito l’apostolo traditore non è dovuta al caso: essa si inserisce nel quadro dell’agire di Dio a difesa dei giusti. Giuda si è trovato a condividere la sorte preannunciata per gli empi perché, alla loro stregua, ha tradito l’«Uomo giusto» che Dio gli aveva posto accanto.

La stretta connessione tra il racconto della morte di Giuda e il brano di Sap 4 pone però un interrogativo: perché Pietro, dopo aver raccontato la morte di Giuda in perfetta sintonia con Sap 4,19, non cita questo testo e preferisce ad esso un breve passo dei Salmi, a prima vista molto meno significativo?

Per dare risposta a questa domanda è importante analizzare il testo scritturistico riportato da Pietro.

La prima particolarità da rilevare a questo proposito è che i versi citati non appartengono allo stesso salmo, ma a due distinti, il 69 e il 109[i]. L’accostamento dei due versetti salmici non è, però, arbitrario, come facilmente si può dimostrare: prima di tutto entrambi i salmi fanno parte del gruppo delle «Lamentazioni del giusto perseguitato»; in secondo luogo i versi scelti sono estrapolati da una analoga serie di «imprecazioni» contro il/i persecutore/i da cui i salmi sono in parte caratterizzati; in terzo luogo lo stico del salmo 69 è molto simile nel contenuto alla strofa immediatamente seguente del verso citato del Sal 109: «Pochi siano i suoi giorni e il suo posto l’occupi un altro. I suoi figli rimangano orfani e vedova sua moglie. Vadano raminghi i suoi figli mendicando, siano espulsi dalle loro case in rovina» (Sal 109,8-10).

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Tags:
apostoliascensioneatti degli apostolichiesa cattolicagiudapentecoste
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
5
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
6
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
7
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni