Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 06 Maggio |
San Nunzio Sulprizio
home iconStile di vita
line break icon

Perché conviene diventare cristiani

© Public Domain

Mirko Testa - Aleteia - pubblicato il 06/04/14

L'intenso diario del medico e scrittore Pavol Strauss, ebreo convertito al cristianesimo sotto il totalitarismo in Cecoslovacchia

Pavol Strauss (1912-1994) era un medico, ma anche un bravo pianista, filosofo, pensatore, traduttore e soprattutto poeta e scrittore, che ci ha lasciato un’immensa produzione di opere saggistiche, aforistiche, prosa e versi.

Nato in Slovacchia da una famiglia colta di origine ebraica. Suo nonno era medico e sua madre un’ottima pianista. Cresce in un ambiente sostanzialmente ateo rimanendone imprigionato al punto che, in gioventù, non esita a fare propri i dettami dell’ideologia marxista. In questa fase si costruisce un’immagine di Dio piuttosto negativa, in cui prevalevano senso della sofferenza, incertezza e angoscia.

Irrequieto e perennemente insoddisfatto, era comunque un ricercatore. Ed è stata questa posizione a fargli scoprire il fascino del cristianesimo. Ecco come egli stesso descrive le sue ricerche: “La vita umana è solo ricerca, ricerca di valori. È possibile valutare le persone in base ai valori per cui lottano. In base a cosa si cerca molto spesso si risale a chi cerca. Comincio da quello che avrei dovuto dire alla fine: io ho ricercato – perché ho sempre puntato a valori spirituali e applicabili a tutta l’umanità – la via, la verità e la vita”.

Il fattore decisivo all’origine della sua conversione è legato a una famiglia di convertiti, anch’essa di radici ebraiche, i Munk (in seguito interamente distrutta dalla follia dei campi di sterminio). La vita cristiana esemplare di questa famiglia lo affascinò in maniera irreversibile: “Da loro imparai cosa significa seguire Cristo nella vita di tutti i giorni, in un costante lavoro su se stessi e nell’amore verso il prossimo, verso tutti; imparando a fare sacrifici, autocritica ed a sopportare le croci finché col sacrificio della propria vita essi confermarono alla lettera la loro fermezza nel seguire Cristo, fino all’ultimo respiro, fedeli al loro modello divino”.

Nell’agosto 1942, Pavol Strauss si fece battezzare abbracciando in modo definitivo la fede cattolica. Per Strauss scrivere divenne quindi un apostolato. Si sentiva un terapeuta dell’anima e i suoi scritti cominciarono ad essere alimentati da una fiamma che potremmo definire paolina: “... una volta che veniamo a sapere in chi abbiamo creduto, non possiamo che ardere”. A chi, seguendo l’ideologia marxista, allo sbaraglio dal 1950 in poi, attaccava il cristianesimo dichiarando la sua débâcle e denunciando i suoi errori, Strauss rispondeva che il cristianesimo non fallisce mai e che gli errori sono solo colpa di singoli.

Soprattutto nell’opera Stretta è la porta (Edizioni Paoline)l’autore vuole dimostrare che la civiltà del tempo è malata e che la causa del morbo è il rifiuto (rinnegamento) di Dio. La soluzione è nel ritorno alla fede tradizionale, non dunque piccole modifiche di facciata ma profonda trasformazione della coscienza umana con al centro il messaggio di Cristo. Il messaggio che Strauss lascia anche al lettore di oggi è allora quello della necessità di abbracciare l’umiltà e l’ottimismo della fede, per farsi piccoli e tornare come bambini.

Tags:
marxismotestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
2
Gaudium Press
Sapevi che la fede nuziale può avere la forza di un esorcismo?
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Best of Web
Muore per 20 minuti, si sveglia all’improvviso e racconta d...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
7
VANESSA INCONTRADA
Gelsomino Del Guercio
Vanessa Incontrada: ho scelto di battezzarmi a 30 anni per ritrov...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni