Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Ecco perché i cattolici hanno reso grande il basket americano

© Jason H. Smith
Condividi

Se gli afro-americani vanno matti per questo sport è perché i primi a integrarli e a schierarli in campo furono proprio i cattolici

Perché il basket c’entra con il cattolicesimo? Una risposta la offre Il Timone in un articolo pubblicato il 3 aprile in cui cita Julie Byrne, docente dell’Università di Hofstra che ha dedicato un approfondito studio al feeling tra cattolici e la palla a spicchi. L’articolo sostiene che le moltitudini di immigraticattolici – irlandesi, italiani, polacchi – che si riversarono nei maggiori centri urbani americani tra fine ‘800 e inizi ‘900 incontrarono una cultura e anche un sistema scolastico ostile.

Per far fronte a quella situazione nacquero come funghi scuolecattoliche. Ma sia per la povertà degli studenti, che non potevano permettersi le attrezzature del football americano, sia per gli spazi ristretti dei quartieri cementificati di New York o Chicago, che non si prestavano a ospitare un campo da baseball, il basket divenne lo sport per eccellenza, facile da giocare anche in palestre improvvisate.

Una vera integrazione
Da allora, quell’amore nato per spirito di aggregazione ma anche grazie alla Provvidenza, non si è mai interrotto. E, si può aggiungere, se gli afro-americani vanno matti per questo sport non va dimenticato che i primi a integrarli e a schierarli massicciamente in campo furono proprio i cattolici.

Preludio NBA
Villanova, Dayton, St. Louis University sono centri importanti per la teologia cattolica negli Stati Uniti, mentre Gonzaga e Creighton sono due degli atenei simbolo dell’apostolato intellettuale dei gesuiti. Ma per l’americano medio queste realtà, almeno nel mese di marzo, richiamano una cosa sola: il basket. Marzo è infatti il mese in cui si tiene il seguitissimo campionato del college della prima divisione della NCAA, vivaio e preludio all’NBA.

 

 
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni