Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 19 Ottobre |
San Luca
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

La nostra strada verso Gerico

Jeffrey Bruno 2013

Vinonuovo.it - pubblicato il 02/04/14

Papa Francesco ci incoraggia ad andare alle periferie per cercare il nostro prossimo nei luoghi del dolore e del buio. Siamo qui per scoprire la nostra identità di figli di Dio che ci fa a sua volta scoprire chi è il nostro prossimo, chi è il nostro fratello e la nostra sorella.

Come nazione di immigrati dobbiamo provare un senso di identificazione con questi altri migranti che cercano di entrare nel nostro Paese. Gli Stati Uniti sono una nazione di immigrati. Solo i nativi americani qui non sono arrivati da nessun’altra parte. Così la parola di Dio oggi ci ricorda che Dio vuole la giustizia per l’orfano e la vedova e che Dio ama lo straniero, l’estraneo. E ci ricorda che anche noi siamo stati stranieri in Egitto.
A causa della carestia delle patate e dell’oppressione politica la mia gente è venuta qui dall’Irlanda. Migliaia e migliaia morivano di fame. Sulle navi-cimiteri che portavano gli immigrati irlandesi un terzo dei passeggeri morivano di fame. Gli squali seguivano le navi aspettando di divorare i corpi di quelli che venivano «sepolti in mare». Ho il sospetto che solo gli africani che venivano portati schiavi sulle navi abbiano avuto un viaggio peggiore.
Frank McCourt ha scritto un’opera intitolata The Irish and how they got that way. In una delle scene gli immigrati irlandesi ricordano dicendo: «Siamo venuti in America perché pensavamo che le strade fossero lastricate d’oro. Quando siamo arrivati abbiamo scoperto che le strade non solo non eranno lastricate d’oro, ma non erano lastricate affatto; e abbiamo scoperto che noi eravamo quelli che dovevano lastricarle».

Il lavoro duro e i sacrifici di così tanti immigrati è il segreto del successo di questo Paese. Nonostante la xenofobia conclamata di una parte della popolazione, i nostri immigrati contribuiscono poderosamente all’economia e al benessere degli Stati Uniti.
Qui nel deserto dell’Arizona siamo venuti a piangere gli innumerevoli immigrati che rischiano le loro vite nelle mani dei coyote (i trafficanti di uomini ndr) e delle forze della natura per venire negli Stati Uniti. Ogni anno 400 cadaveri vengono ritrovati qui al confine, corpi di uomini, donne e bambini che cercavano di entrare negli Stati Uniti. E questi sono solo i corpi ritrovati. Da quando poi attraversare il confine è diventato più difficile, questa gente ha cominciato a prendersi maggiori rischi e più persone muoiono.

L’anno scorso circa 25 mila bambini, in maggior parte dal Centramerica, sono arrivati negli Stati Uniti senza essere accompagnati da alcun adulto. Decine di migliaia di famiglie sono divise a causa della legislazione migratoria. Più di 10 milioni di immigrati privi di documenti sono esposti allo sfruttamento e alla mancanza di accesso ai servizi umani essenziali e vivono costantemente nella paura. Contribuiscono alla nostra economia con il loro duro lavoro, spesso contribuiscono per miliardi di dollari ogni anno al fondo per la previdenza e ai programmi di assistenza sanitaria di cui non beneficeranno mai. (…)

Il nostro Paese ha tratto beneficio da tanti gruppi che hanno avuto il coraggio e la forza di venire in America. Sono venuti fuggendo da conndizioni terribili e portando con sé il sogno di una vita migliore per i propri figli. Erano alcuni tra i più industriosi, ambiziosi e intraprendenti cittadini dei propri Paesi e hanno portato enormi energie e buona volontà nel loro nuovo Paese. Il loro lavoro duro e i loro sacrifici hanno reso grande questa nazione.
Spesso questi immigrati hannno dovuto fare i conti con il sospetto e la discriminazione. Degli irlandesi si diceva «non hanno bisogno di chiedere»; la nostra etnia e religione ci rendeva indesiderabili. Ma il meglio dell’America non &e
grave; lo spirito bigotto e xenofobo degli "Know Nothings", ma il generoso benvenuto del Nuovo Colosso, la donna poderosa con una Torah nelle mani, la Statua della Libertà, la Madre degli esiliati che proclama al mondo: «Terre antiche, tenetevi pure le vostre ricchezze immagazzinate. Datemi i vostri figli stanchi, poveri, le vostre masse stipate che cercano un posto per respirare, gli avanzi sgraziati delle vostre spiagge brulicanti. Mandatemi loro, i senza casa, scossi dalla tempesta. Sollevo la mia torcia per illuminare loro la porta d’oro» (Emma Lazarus).

Vigiliamo affinché questa torcia continui ad ardere luminosa.

Qui l’originale

  • 1
  • 2
Tags:
buon samaritanocardinale sean patrick o’malleyimmigrazionemessicousa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
6
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
7
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni