Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Luglio |
San Pietro Crisologo
home iconNews
line break icon

I primi e pochi matrimoni gay nel Regno Unito

AFP PHOTO POOL GERARD JULIEN

Aleteia - pubblicato il 31/03/14

Il vescovo inglese Conry "Non possiamo promuovere questa nuova istituzione come una possibile alternativa al matrimonio tradizionale che vogliamo continuare a difendere”

"Vi dichiaro marito e marito". D'ora in poi si sentirà pronunciare anche questa frase sotto la Union Jack. Sono stati infatti celebrati nel Regno Unito i primi matrimoni omosessuali, conclamati come un importante progresso dal premier David Cameron e dal suo vice Nick Clegg, che li hanno voluti a tutti i costi, contro l’opposizione delle Chiese cristiane locali. 

Riforma simbolica
La riforma entrata in vigore ha in realtà un valore simbolico estremamente simbolico. Sì perché le coppie omosessuali godono già egli stessi diritti genitoriali delle coppie eterosessuali: possono ad esempio adottare bambini, ricorrere alla fecondazione assistita o alla maternità 'surrogata'. La legge inglese era stata approvata nel luglio 2013.

La posizione della chiesa cattolica
Secondo Kieran Conry, – intervistato da Agensir  – vescovo cattolico di Arundel e Brighton, dove si terranno cinque tra i primi matrimoni gay, non saranno molte le coppie che decideranno di sposarsi. La trasformazione dell’istituzione del matrimonio da legame duraturo tra uomo e donna per la procreazione di figli a legame d’amore svuotato di contenuto sessuale porta confusione nella legge e nel linguaggio del Regno Unito, secondo Conry. 

Le Chiese cristiane, come scrive Avvenire il 29 marzo, rischiano che vi siano ricorsi alla Corte europea dei diritti dell’uomo da coppie omosessuali che vogliono cerimonie religiose. “Se il governo ci obbliga, dovremo fare riferimento ai matrimoni gay, ma non possiamo promuovere questa nuova istituzione come una possibile alternativa al matrimonio tradizionale che vogliamo continuare a difendere”, conclude il vescovo

“Dobbiamo ridefinire l’adulterio – dice il vescovo -. Nella vecchia interpretazione del matrimonio era il rapporto sessuale con una persona diversa dalla coppia ma se il sesso non è più, necessariamente, parte del matrimonio, che cosa è il tradimento? Anche altri termini legati al matrimonio come la parola ‘consumazione’ vanno ripensati”. 

LEGGI IL DOSSIER DI ALETEIA SU MATRIMONIO E FIDANZAMENTO

LEGGI IL DOSSIER DI ALETEIA SUL GENDER

Tags:
gran bretagnaregno unitotradizione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni