Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 04 Marzo |
Santa Teresa Eustochio Verzeri
home iconNews
line break icon

Studenti spagnoli contro aborto. “Non è coraggio ma certezza di un bene più grande”

LUIS ACOSTA / AFP

Aleteia - pubblicato il 28/03/14

Un gruppo di universitari a Madrid ha distribuito un volantino sull'aborto e i diritti del bambino. Tra scontri e incontri "la certezza di un amore che è lo stesso per tutti gli uomini"

«Es bueno que tú existas». È quello che recita il titolo di un volantino che questa settimana è stato distribuito da alcuni universitari cattolici di Madrid tra i corridoi delle loro Facoltà. ​Un gesto che ha suscitato non poco scalpore e reazioni violente tra gli studenti della Complutense, perché porta l’attenzione su un tema che sta scaldando gli animi della popolazione spagnola, e non solo: l’aborto e i diritti del bambino. In Spagna, infatti, il dialogo si è acceso quando, a dicembre del 2013, è stato proposto un progetto di legge che vuole restringere i casi in cui l’aborto non venga riconosciuto come reato.

Di seguito le parole di Rocío, studentessa della Complutense, rilasciate a Tracce.it il 21 marzo: «Noi con questo volantino vogliamo sottolineare qual’è il vero punto della questione: una donna che subisce violenza non risolve il suo dramma abortendo, quello che desidera è amare ed essere amata, bisogna tornare al valore della persona» 

Violenza ideologica
«Quando è uscito il volantino che dava un giudizio chiaro sulla situazione, abbiamo deciso di distribuirlo nella nostra Facoltà». Ma già mercoledì, volantinando tra i corridoi di Scienze Politiche, sono stati aggrediti da un gruppo di femministe e da ragazzi politicamente schierati. «Sapevamo che saremmo finiti nella fossa dei leoni», racconta, «Appena abbiamo cominciato a dare i volantini ci hanno attaccati a parole e fisicamente. Da noi questo argomento è un tabu, sono quasi tutti favorevoli all’aborto e non c’è nessuno che porta una visione come la nostra». Ma non è la prima volta che distribuiamo volantini di giudizio in Università, ed è sempre nato qualcosa di bello da questi gesti. Il male e la violenza ci sono, e mi fanno paura, ma, guardando la mia esperienza, in queste occasioni sono sempre nati, nel dialogo, dei rapporti che sono un bene. E alla fine è questo ciò che rimane».

Quindi, nonostante tutto, giovedì hanno ripetuto il gesto alla facoltà di Scienze dell’informazione, dove si è verificata la stessa scena di violenza. «Mi sono chiesta più volte se era veramente utile quello che stavamo facendo, visto che nessuno aveva intenzione di ascoltarci: chi ci attacca parte da una posizione ideologica, non vuole sapere nemmeno quello che abbiamo da dirgli», riprende a raccontare Rocìo. Ma anche questa volta sono stati sorpresi: «Alcune ragazze, che hanno un giornalino, si sono avvicinate e ci hanno chiesto cosa avevamo da dire, con altri abbiamo iniziato un dialogo, anche se sostenevano una idea diversa dalla nostra».

Dialogo e incontro
Come anche alcuni ragazzi comunisti dell’associazione "Tempi moderni", che Rocío aveva conosciuto in Università: «Con loro è nato un bellissimo rapporto, ci aiutiamo, e uno di loro leggendo il volantino ha detto: "che invidia, magari potessi dire io una cosa così”. E continua«Noi non volevamo imporre la nostra idea, ma far riflettere sul problema, perché a volte sembra che abortire sia come andare dal parrucchiere».

Il cuore dell’uomo è uguale per tutti
E conclude: «Io avevo paura, la violenza mi irrigidisce, ma poi ho pensato che se la paura e il male ci bloccano allora vuol dire che vincono». Invece no, e questo gli altri lo vedono: «Il mio non è coraggio, ma la certezza del bene, che è lo stesso per tutti gli uomini». La violenza è quella che fa più rumore ma «vedendo le femministe ho provato un moto di tenerezza perché desidero questo anche per loro. Mi veniva da pensare: "io sono più libera di voi, perché non leggete nemmeno un volantino che porta un’idea diversa dalla vostra. Non è vero che io non sono libera perchè mi costringete ad andarmene". Ed un’ultima scoperta: "Il cuore dell’uomo è uguale per tutti, di questo sono certa. E i nostri amici comunisti ne sono la prova evidente"».

Tags:
abortobioetica
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
4
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
7
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni