Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il Santo Graal si trova nella città spagnola di Leon?

© Museo San Isidoro de León
Condividi

Il calice usato da Gesù durante l'Ultima Cena sarebbe quello noto come “Calice di Donna Urraca”, esposto nella basilica di San Isidoro

Secondo una ricerca condotta dalla storica Margarita Torres-Sevilla e presentata questo mercoledì in conferenza stampa, la coppa usata da Gesù durante l’ultima cena, la ricercatissima reliquia nota come Santo Graal, sarebbe la parte anteriore del “Calice di Donna Urraca”, conservato nella basilica di San Isidoro di Leon (Spagna) dall’XI secolo.

“La Chiesa dipende dagli studi di storia, non confermiamo né smentiamo, non abbiamo ancora alcuna autorità”, ha dichiarato ad Aleteia Luis Garcia Gutiérrez, direttore del Museo San Isidoro, nel quale è esposta la reliquia donata dalla regina di Zamora donna Urraca alla basilica di San Isidoro.

E' ormai da molti anni che la storica Torres-Sevilla studia il calice e ha ritrovato alcuni documenti nella biblioteca dell’Università Al Azhar del Cairo che ricostruiscono il percorso storico seguito dalla coppa.

La sorpresa è stata grande. Il prezioso calice che era sempre stato in bella vista è divenuto improvvisamente il centro dell’attenzione di tutti: curiosi, giornalisti e anche cristiani, che ora lo guardano con occhi diversi.

“Probabilmente è la reliquia più ricercata nella storia della Chiesa – ha spiegato il direttore del museo – credo che trovarsi di fronte a ciò che potrebbe essere la reliquia più vicina al Signore nella sua vita terrena può contribuire a far provare un senso di inquietudine di fronte alla fede a molte persone”.

“Dobbiamo presentarlo in un modo diverso: non solo come un’opera d’arte ma come un oggetto di devozione”, ha detto, smentendo che il museo abbia alzato il prezzo del biglietto.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni