Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 18 Settembre |
Roberto Bellarmino
home iconStile di vita
line break icon

Carlo Urbani, un medico senza frontiere

© Public Domain

Àncora Editrice - pubblicato il 26/03/14

La tensione sale anche in famiglia, e di fronte alla moglie Giuliana che, pur restandogli al fianco, cerca di fermarlo, Carlo risponde: «Non dobbiamo essere egoisti, io devo pensare agli altri e tu lo sai. Se non posso lavorare in situazioni come questa, per quali ragioni sono qui?». Non ha scelto un mestiere qualunque: è parassitologo, esperto in malattie tropicali, ha speso buona parte della sua vita in Africa e in Asia, tra i malati di Aids e i bambini morenti per le peggiori infezioni: conosce le precauzioni da prendere, non è mai imprudente, ma questo è il suo lavoro, che medico sarebbe se di fronte alla malattia si tirasse indietro?

11 marzo: Urbani è in volo verso Bangkok, in Thailandia, per una conferenza. In aereo inizia ad accusare qualche disturbo: si sente debole, fiacco, forse ha la febbre, e una lieve tosse. È il medico che ha scoperto il virus e che lo conosce meglio di chiunque altro: immediatamente si rende conto di essere una nuova vittima di quella atipica polmonite.

Per i diciotto giorni successivi, ricoverato in isolamento nell’ospedale di Bangkok, Carlo Urbani combatte contro la SARS la sua guerra personale. Fa ripartire per l’Italia i suoi tre bambini, che non rivedrà mai più. Collabora con i medici arrivati da Germania e Australia per curarlo, ai quali consiglia terapie, provando con i medicinali noti, alla ricerca di quello giusto. Prima di andarsene, ha la forza di pensare ancora agli altri, raccomandandosi con i colleghi che il suo tessuto polmonare sia salvato per essere studiato.

Giuliana, la moglie, gli resta accanto fino all’ultimo. Il 18 aprile 2003 milioni di persone la rivedranno accanto a Giovanni Paolo II, sul cammino della Via Crucis del Venerdì Santo, accompagnata da suo figlio Tommaso, al quale poi lungo il percorso passerà la croce che portava.

Dopo la SARS – la prima malattia dell’era della globalizzazione -, dal 2003 altre pandemie hanno fatto la loro comparsa, ma ogni volta la comunità scientifica mondiale si è fatta trovare pronta proprio grazie a Carlo Urbani e alla «prova generale», ormai divenuta protocollo internazionale, da lui messa in atto per fermare il contagio.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
medici senza frontieretestimonianze di vita e di fede

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni