Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Il premier britannico: gli aborti selettivi sono “orribili”

PD
Condividi

“Non è un dibattito sugli aspetti positivi e negativi dell'aborto, ma una questione di violenza contro le donne prima ancora che nascano”

Il premier britannico David Cameron ha criticato l'aborto selettivo in base al sesso definendolo una “pratica semplicemente orribile”, e ha affermato che il Governo britannico lavorerà per contrastare questa pratica illegale.

Cameron ha detto al Parlamento il 19 marzo che il funzionario medico capo britannico, Dame Sally Davies, e il Dipartimento della Salute stanno preparando una guida per i medici circa gli aborti selettivi in base al sesso, per contrastare la pressione su alcune donne in gravidanza perché abbiano figli anziché figlie, riferisce il quotidiano britannico The Independent.

Il Ministro del Parlamento Paul Uppal aveva interpellato il Primo Ministro sulla pratica.

“Ho parlato con persone che mi hanno detto che avviene e mi fido di ciò che dicono. È una pressione molto sottile sulle donne perché abbiano figli maschi”, ha detto Uppal a The Independent. “L'aspettativa è lì, l'ho verificata di persone”.

Uppal, che ha un background Sikh, ha affermato di voler “combattere la pressione culturale nelle famiglie perché abbiano figli maschi”. Le donne, ha aggiunto, a volte sono sottoposte a pressioni “per abortire i feti se sono femmine”.

Un'analisi del 2011 relativa a Inghilterra e Galles indica che 4.500 femmine potrebbero “mancare” all'appello a causa delle pratiche di aborto selettivo in alcune comunità etniche nel Regno Unito e oltremare. Secondo il Daily Mail, questa pratica è più diffusa tra le famiglie con origini sud-asiatiche o afghane.

In alcune zone del Regno Unito potrebbero esserci 120 maschi ogni 100 femmine tra i secondi figli delle famiglie, continua il Daily Mail. Il rapporto naturale tra i sessi è 105 maschi per 100 femmine.

Il Ministro della Salute britannico Earl Howe ha affermato che non ci sono prove che nel Regno Unito vengano effettuati aborti selettivi in base al sesso, osservando che ci sono altre spiegazioni per questi dati. Una donna britannico-asiatica, madre di tre figli maschi, ha riferito tuttavia a The Independent di aver avuto due aborti dopo che la famiglia del marito aveva scoperto che era incinta di una figlia.

“Sono nuovamente incinta e sono terrorizzata all'idea che possa succedermi un'altra volta”, ha confessato.

Indagini “clandestine” del Daily Mail hanno scoperto anche medici disposti a effettuare aborti selettivi in base al sesso.

Rani Bilkhu, dell'associazione caritativa a favore delle donne Jeena International, ha detto al Daily Mail a gennaio che “il Governo non può più nascondere questa pratica sotto il tappeto come ha fatto finora. Si nasconde dietro la correttezza politica per placare certe comunità di migranti che praticano quello che definisco 'terrorismo del grembo'”.

“Non è un dibattito sugli aspetti positivi e negativi dell'aborto, ma una questione di violenza contro le donne prima ancora che nascano”, ha dichiarato.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni