Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 17 Maggio |
Ascensione
home iconNews
line break icon

Sul “Sesso sicuro” la società italiana di ginecologia sbaglia bersaglio.

Image One/Jeffrey Bruno

Osservatorio Cardinale Van Thuân - pubblicato il 24/03/14

La fotografia sfocata sulle giovani generazioni

di Donata Fontana

Sono stati presentati a Milano i risultati dello studio condotto dalla Società Italiana Ginecologia ed Ostetricia (SIGO) sul grado di consapevolezza degli adolescenti italiani in materia di sesso sicuro. Il sondaggio – compiuto nel 2012 su un campione di 1.000 ragazzi – è stato associato all’iniziativa “ScegliTu”, diffusa nelle scuole, negli ambulatori ginecologici e nei centri d’ascolto per il sostegno psicologico agli adolescenti. La SIGO ha rilevato preoccupanti carenze di informazione tra i giovanissimi del nostro Paese, alcuni dei quali quasi all’oscuro delle nozioni di base del proprio organismo dal punto di vista sessuale e riproduttivo, sintomo sicuro di un mancato dialogo con figure adulte di riferimento come i genitori o il proprio medico. Molte ragazzine – anche a distanza di qualche anno dal menarca – sono risultate incapaci di calcolare almeno approssimativamente il proprio ciclo mestruale mensile.

Ma ciò che deve aver maggiormente impensierito la SIGO è l’altissima percentuale di analfabeti in tema di sessualità consapevole tra gli under 18: «I giovani sono pieni di false convinzioni. Il 27% crede che la pillola sia adatta solo alle maggiorenni, il 23% pensa che la visita ginecologica sia impossibile per una ragazza vergine», spiega nel comunicato stampa il prof. Nicola Surico, presidente della SIGO, aggiungendo che più della metà si affida alla contraccezione d’emergenza perché ritiene che altre precauzioni durante o prima del rapporto possano ostacolarlo.
Al solito, invece che riflettere sulla sempre minore età della “prima volta” dei ragazzini di oggi – probabilmente per una mancanza di attenzione e cura da parte delle famiglie e per una iper-stimolazione alla precocità dei rapporti da parte dei media, della scuola e della società in genere – i Ginegologi Italiani sembrano pensare solo “se devi farlo, almeno fallo in maniera sicura”. Anche le risposte messe in atto dalla SIGO a seguito di questa ricerca appaiono riduttive, soprattutto se si pensa alla fonte autorevole dalla quale vengono proposte. Non che sia di spettanza della SIGO l’educazione sessuale dei teenager, ma da un tale pool di medici specialistici ci si attenderebbe una reazione altrettanto seria e specialistica.

Sulla pagina internet di ScegliTu – una sezione “giovane” del sito ufficiale SIGO, gestita direttamente dalla Società stessa –  si trovano così tante accattivanti e civettuole informazioni da far gola a un settimanale femminile di scarsa qualità, come il test “Che tipo di uomo sei a letto?” e mille uno consigli per diminuire il girovita delle fanciulle, compresa una sezione sull’importanza della corsa per tonificare gli addominali. Accanto a tali amenità – a nostro avviso un po’ poco consone per una siffatta associazione nazionale di medici – fanno capolino anche la rubrica “Il Gine risponde…”, l’utility per il calcolo dei giorni fertili, la mappa dei consultori italiani, il vademecum in sintesi dei possibili mezzi di contraccezione e – dulcis in fundo – la sezione sull’Identità di Genere. Poche righe, a dire il vero, ma ne basta una per capire da che parte pende l’ago della bilancia: «Accanto a questi elementi biologici [cioè allo sviluppo degli organi sessuali in età puberale] se ne aggiungono altri che chiameremo sociali» dai quali, in definitiva, si può «confermare o meno l’identità» biologica.

Ma non è tanto quest’aspetto – e cioè il refrain sulla scelta della propria identità sessuale secondo la teoria del gender – ad interessarci ora, quanto l’altra iniziativa proposta dalla SIGO, oltre a questo portale informativo (o deformativo?) on line per teenager. Si tratta del cosiddetto “Patentino dell’amore sicuro”, scaricabile gratuitamente anche da internet e distribuito nelle scuole, nei centri d’ascolto, nei consultori e negli studi ginecologici. Chi scrive ne ha trovato uno proprio nella sala d’aspetto della propria dottoressa e si è presa la briga di leggerlo – coraggiosamente – fino in fondo. Una decina di semplicistiche paginette colorate e illustrate a fumetti (chissà mai che le si debba riciclare per un pubblico ancor più giovane, magari della scuola media o elementare), che non spiegano ma accennano, non approfondiscono ma confondo.

  • 1
  • 2
Tags:
sessualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni