Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 22 Gennaio |
Sant'Agnese
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

La sussidiarietà: cinque rotte verso un mondo più giusto

Gurutze Imaz

Emanuele D'Onofrio - Aleteia - pubblicato il 24/03/14

I giovani con che occhi guardano alla Dottrina Sociale della Chiesa in questo momento di tempesta?

Sangalli: Come ad una risorsa, che stimola a pensare. In genere il rischio di una materia come la Dottrina Sociale della Chiesa è quello di riproporla pedissequamente, oppure, la si ritiene un po’ aerea, decontestualizzante, poco utile alla prassi. Il nostro tentativo è stato invece questo: partiamo da questi principi, e facciamoli fecondare nelle cinque rotte, vediamo che cosa ne può uscire. Io credo ne siano scaturiti risultati interessanti, specie perché prodotti da giovani ben preparati. La cosa bella è stata portare dei ragazzi ad accorgersi della complessità delle materie affrontate. Rendersi conto che quando metti mano alla realtà non bastano due slogan o tre twittate. Per renderti utile alla società devi lavorare. È un percorso impegnativo, il nostro come sa chi l’ha fatto, e pensiamo di aver costruito un metodo, magari esportabile.

In Europa che sensibilità c’è agli impulsi che arrivano dalla Dottrina Sociale della Chiesa?

Sangalli: Anche lì si tratta di cominciare a studiare il magma che è l’Europa. È un po’ anche il magma di questi giorni, nei quali si parla della burocrazia europea. Ma questa non nasce dal nulla, ma da una serie di motivi storici. Ha un suo limite grosso nel momento in cui diventa freno al nuovo. Ma non è solo un limite; questa serie di trattati, di norme, di disposizioni, che i ragazzi sono andarsi a studiare, in realtà può contenere invece anche degli stimoli che vanno ripresi. Chi leggerà l’ultimo capitolo vedrà come paradossalmente i trattati europei, anche le forme in cui è organizzata la Comunità, sono aperti ad una possibile evoluzione, ad un sistema di governance multilivello. Questo non mortificherebbe le varie istanze nazionali, e delle cosiddette società intermedie di cui noi ci occupiamo molto, ma anzi lascerebbe loro campo libero per proporre tutto quello che potenzialmente contengono. Occorre cimentarsi con la materia, metterci mano: in questo senso il tentativo di Sinderesi è quello di creare un gruppo di cittadini responsabili e di persone competenti, che non parlino a vanvera, come avviene troppo spesso a livello politico, laddove non si conoscono spesso le materie. E poi succede che si lascia tutto in mano ai tecnici, al loro linguaggio impenetrabile, al loro mondo di cui alla fine restano i soli padroni.

  • 1
  • 2
Tags:
dottrina sociale della chiesapontificia università gregorianasolidarietasussidiarieta
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni