Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 25 Luglio |
San Charbel
home iconNews
line break icon

La sussidiarietà: cinque rotte verso un mondo più giusto

Gurutze Imaz

Emanuele D'Onofrio - Aleteia - pubblicato il 24/03/14

Il Cenacolo Sinderesi ha presentato un volume che raccoglie il lavori dello scorso anno svolti su uno dei pilastri della Dottrina Sociale della Chiesa

Creare competenza e responsabilità civile tra i cittadini, alla luce della Dottrina Sociale della Chiesa. Questo è il servizio che si propone di compiere annualmente il Cenacolo Sinderesi, un cammino di formazione proposto all’interno del Centro Fede e Cultura “Alberto Hurtado” della Pontificia Università Gregoriana, nel quale 50 giovani sotto i 35 anni, lavoratori e studenti, imparano a conoscere le idee sociali ed economiche nell’orizzonte della Dottrina Sociale della Chiesa, e a riconoscerle in azione nelle nostre società. Ogni anno i giovani sono chiamati a proporre attivamente dei loro percorsi di applicazione di queste idee, percorsi che poi vengono raccolti in un testo pubblicato l’anno successivo. Oggi, appunto, quello che fa riferimento al corso appena concluso, dal titoloLa sussidiarietà. Mappe e rotte d’esplorazione, edito da Gregorian & Biblical Press con la collaborazione, anche nella direzione dei contenuti, della Fondazione Konrad Adenauer. Noi di Aleteia abbiamo sentito monsignor Samuele Sangalli, che lo ha curato.

Qual è la strada che ha compiuto questo testo che esce oggi?

Sangalli: Il libro è riconducibile alla metodologia Sinderesi, che si distingue dal modello di didattica frontale al quale vengono sottoposti i giovani in genere nei nostri momenti formativi, e nei quali solitamente si chiama qualche big a parlare agli studenti, loro ascoltano passivamente e poi alla fine non restano tracce. Magari questa modalità aumenta le conoscenze individuali, ma non genera gruppo, non incide nella formazione di un’opinione. Per questo il nostro gruppo lo abbiamo chiamato “cenacolo”, perché i giovani imparano a lavorare insieme sia in vista di un loro apprendimento sia di un possibile impegno nella società. L’anno scorso il volume si occupava dei temi fondamentali dell’etica pubblica. Quest’anno nel Cenacolo stiamo lavorando sul secondo pilastro della Dottrina Sociale della Chiesa, cioè sulla solidarietà, vista in relazione alla democrazia, e l’anno prossimo il volume tratterà di questo.

Che valore aggiunge la collaborazione di una fondazione tedesca?

Sangalli: In Italia non esistono fondazioni che supportino, anche economicamente, il lavoro di chi non vuole soltanto fare la passerella, ma vuole impegnarsi per un servizio alla società. Pubblicato con l’aiuto della fondazione Adenauer, questo testo ha potuto presentare nella prima parte le tre mappe, cioè le relazioni degli esperti presentate all’inizio del corso: padre Ottavio De Bertolis (Univ. Gregoriana) ha esplorato la sussidiarietà da un punto di vista filosofico, il prof. Gino Scaccia (Luiss) l’ha indagata in relazione alla Costituzione e alla legislazione italiane, e il dott. Emanuele Forlani, che ha raccontato i suoi sforzi nei suoi anni spesi in Parlamento di mettere in pratica la sussidiarietà durante la realizzazione delle leggi. Queste mappe, tre linee guida autorevoli, hanno sostenuto cinque rotte di lavoro seguite dai cinque gruppi nei quali i 50 studenti erano stati distribuiti.

Quali sono state le “rotte” di esplorazione seguite?

Sangalli: Il primo gruppo ha lavorato sull’educazione, mettendo in luce come una formazione gestita sussidiariamente possa essere in grado di venire incontro al bisogno di riqualificazione del territorio nell’ambito del mercato del lavoro. Un secondo ha guardato alla sussidiarietà in ambito politico, riscoprendo i partiti come forme responsabili di rappresentanza. Un terzo ha voluto proporre un nuovo modello efficiente di welfare, che vuole essere in grado di velocizzare la capacità di autonomia dei corpi intermedi e delle reti d’impresa. La quarta rotta seguita è quella dello sviluppo economico: si è fatto vedere quali effetti rigeneranti in economia produca l’attuazione del principio di solidarietà su vari progetti, ad esempio nella raccolta e smaltimento dei rifiuti che le società del benessere non sembrano in grado di risolvere. L’ultima rotta ci ha portato – e qui ci hanno stimolato anche gli amici tedeschi – in ambito europeo: un gruppo ha fatto vedere come tramite le regioni le distinzioni secolari delle diverse nazioni partecipanti verrebbero valorizzate ed esaltate, proprio mediante un sistema di governance multilivello da estendere per costruire una vera Europa. Abbiamo scoperto che paradossalmente la sussidiarietà, se ben praticata, diventa per l’Europa il principio in grado di far compiere quei passi federativi verso un’unione politica che oggi sembra sicuramente molto lontana.

  • 1
  • 2
Tags:
dottrina sociale della chiesapontificia università gregorianasolidarietasussidiarieta
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
5
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
6
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
7
PILGRIMAGE,ROME
Giovanni Marcotullio
Lo stato della questione sulla Messa in “rito antico”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni