Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il cardinal Caffarra aiuta a “Cercare Dio”

© YASUYOSHI CHIBA / AFP PHOTO
Condividi

Raccoglie in un libro le catechesi tenute ai giovani durante l'Anno della Fede

“Cercare Dio” (Marcianum Press) è il libro in cui il cardinale Carlo Caffarra raccoglie le catechesi che ha tenuto ai giovani durante l’Anno della Fede e altri due interventi – una catechesi ai genitori dei cresimandi e una lezione tenuta all’Università di Udine.

Per l’arcivescovo di Bologna, esiste il grave pericolo, soprattutto nei giovani, di ridurre la fede “ad emozione, a risposta a bisogni psicologici”. Per questo, ritiene che “mostrare l’intima ragionevolezza della fede, mostrare che in primis l’atto della fede è un atto propriamente della ragione, poiché è un assenso ad una Parola, sia uno dei compiti principali nell’educazione alla fede dei nostri giovani”.

Due, spiega il porporato, sono le grandi metafore della vita: il girovago e il pellegrino, che indicano due modi di vivere molto diversi: “il girovago non ha una strada non avendo una meta da raggiungere; il pellegrino ha una strada che non deve e non vuole abbandonare perché desidera raggiungere la meta”.

La differenza tra queste due figure si evidenzia anche di fronte a quella che definisce “la delusione del compimento”. “Succede non raramente che raggiunto l’obiettivo del nostro desiderio, ci troviamo a dire: ‘Tutto qui?’. È come se fosse più bella la ricerca che il possesso, il desiderio che la soddisfazione. Viviamo spesso una sproporzione esistenziale fra ciò che speriamo e desideriamo e ciò che concretamente possiamo raggiungere”.

Secondo lo stile di vita del girovago, la soluzione è dire “accorcia la misura del tuo desiderio, e taglia la tua speranza. Non potendo raggiungere ciò che desideri, cerca di desiderare solo ciò che puoi raggiungere”. La posizione del pellegrino è invece un’altra: “la sproporzione non potrebbe derivare dal fatto che la persona umana è fatta per un bene infinito?” Se è così, “il nostro desiderio non va accorciato, la nostra speranza non va tagliata, perché esiste una risposta a loro misura. E il pellegrino si mette alla ricerca di questa risposta”.

“L’uomo alla ricerca di Dio è l’uomo che non si accontenta dei beni limitati, oggetto delle piccole speranze pure significative ed importanti”, indica il cardinale. “È l’uomo che prende coscienza che non può bastargli niente che non sia infinito; qualcosa che sarà sempre più di ciò che egli possa mai raggiungere”.

Cosa può impedire la ricerca di Dio? Il primo impedimento può essere quella che per il porporato è “la più grave malattia spirituale che possa colpire il cuore di un giovane: la tristezza del cuore”, “una sorta di anoressia spirituale che rifiuta di prendere in considerazione ogni proposta che vada oltre la quotidianità; una sorta di pigrizia spirituale che induce neppure più a sperare che sia possibile una vita bella, vera, buona”. Ai primi sintomi di questa malattia, bisogna reagire e andare subito dal “medico”, ovvero un buon confessore, perché altrimenti la prognosi è la morte dell’io.

Il secondo impedimento è lo scientismo, che è “come un’epidemia: la prendi senza accorgertene” e consiste nel pensare che solo le proposizioni scientifiche sono qualificabili come vere o false, perché sono verificabili col metodo proprio della scienza. “È facile capire che se uno si lascia infettare da questa epidemia, non si mette in ricerca di Dio. Semplicemente si tiene la sua opinione al riguardo”.

“Alla persona che lo cerca a tentoni”, spiega il cardinal Caffarra, “Dio viene incontro mediante la voce della coscienza, che fa risuonare nel nostro intimo la voce stessa di Dio”.

“C’è un solo modo, un solo metodo, una sola strada per incontrare Cristo”, ricorda: “vivere l’esperienza della Chiesa; essere nella Chiesa, perché la Chiesa è vivere con Cristo”, “è la presenza di Cristo in mezzo a noi”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni