Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 14 Maggio |
San Mattia
home iconNews
line break icon

Quale sarà la risposta europea al martirio dei giovani ucraini?

© AIUTO CHIESA CHE SOFFRE

Aiuto alla Chiesa che Soffre - pubblicato il 22/03/14

Monsignor Gudziak "L’Europa sappia che l’Ucraina è la migliore garanzia per la pace in Europa"

«In questo momento drammatico non mi rivolgo soltanto ai fedeli ma a tutti gli uomini di buona volontà, affinché ci aiutino a tenere la Crimea lontana dall’estremismo e non permettano che si spezzi la fratellanza tra le genti della penisola». È l’appello accorato inviato ad Aiuto alla Chiesa che Soffre da monsignor Jacek Pyl, vescovo ausiliare della diocesi cattolica di Odessa-Simferopoli.

ACS ha risposto alla richiesta con un contributo straordinario di 60mila euro, che sarà devoluto alla diocesi di Crimea ed all’arcidiocesi di Kiev, per garantire assistenza medica e psicologica e sostenere le spese di viaggio dei cappellani militari che viaggiano tra la capitale ucraina e la penisola. «In Crimea – continua monsignor Pyl – vivono ucraini, russi, tatari, armeni, polacchi, tedeschi e cechi. E per molti secoli hanno convissuto pacificamente ortodossi, cattolici, musulmani, ebrei e fedeli di altre denominazioni. Non lasciamo che le nostre appartenenze etniche o religiose
ci dividano. Siamo tutti figli di uno stesso Padre».

Il 17 marzo scorso Aiuto alla Chiesa che Soffre ha organizzato un incontro tra due esponenti della Chiesa greco-cattolica ucraina e il presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy. L’iniziativa è stata promossa nell’ambito della collaborazione tra Unione europea e Aiuto alla Chiesa che Soffre, che ha visto svolgersi a Bruxelles altri colloqui tra le istituzioni Ue e alcuni testimoni delle Chiese in difficoltà, quali quelle di Pakistan, Egitto e Siria.

A raccontare il difficile momento ucraino ai vertici dell’Ue sono stati monsignor Borys Gudziak, vescovo dell'eparchia ucraina di San Volodymyr a Parigi, ed il professor Myroslav Marynovych, vicerettore dell’Università cattolica di Leopoli. «In questi giorni di importanti decisioni politiche – ha detto monsignor Gudziak – vogliamo che l’Europa sappia che l’Ucraina è la migliore garanzia per la pace e la prosperità in Europa». Il presule ha definito «storico» il cambiamento avvenuto in seno alla società ucraina. «La paura si è trasformata in dignità. La resistenza al regime di Yanukovych ha suscitato negli ucraini un forte senso di dignità e l’invasione della Crimea sta risvegliando in loro un profondo sentimento di identità nazionale».

Il professor Marynovych, in passato detenuto in un gulag sovietico, ha notato che il movimento Maidan non è nato dal desiderio di vedere «volti nuovi a capo di un regime quasi sovietico», ma dalla profonda aspirazione per una vera democrazia, di stampo europeo. «I giovani ucraini si sono battuti per quegli stessi principi sui quali l’Europa è stata fondata. Quale sarà la risposta dell’Europa al loro martirio?»

Aiuto alla Chiesa che Soffre” (ACS), Fondazione di diritto pontificio fondata nel 1947 da padre Werenfried van Straaten, si contraddistingue come l’unica organizzazione che realizza progetti per sostenere la pastorale della Chiesa laddove essa è perseguitata o priva di mezzi per adempiere la sua missione. Nel 2012 ha raccolto oltre 90 milioni di euro nei 17 Paesi dove è presente con Sedi Nazionali e ha realizzato oltre 5.604 progetti in 140 nazioni.

Tags:
democraziaucrainaunione europea
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni