Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 05 Marzo |
San Casimiro
home iconNews
line break icon

Nel lavoro “l’uomo della crisi” può riscoprire la propria sovranità

© ZURIJETA / SHUTTERSTOCK

Emanuele D'Onofrio - Aleteia - pubblicato il 22/03/14

Dignità del lavoro, impresa, politiche familiari: se ne parla ad in un incontro organizzato presso l’Università Lateranense

La crisi che fatichiamo a lasciarci alle spalle ci sta cambiando, in ciò che facciamo, in come ci comportiamo, in famiglia e al lavoro. L’averlo problematizzato, sia quando c’è che quando non c’è, ha fatto sì che ci rendessimo conto che qualcosa non funziona più nel nostro rapporto con il lavoro. Ci siamo accorti, in molti casi, che qualcosa si è perso nella nostra abilità di decidere per noi stessi, di essere liberi e responsabili delle nostre scelte. In questo senso, una ridefinizione del lavoro significa una riscrittura della nostra identità. Se ne parla il prossimo 26 marzo ad una giornata di studio dal titolo “Per una nuova cultura del lavoro”, organizzata presso l’Università Lateranense. Il professor Flavio Felice, docente di Dottrine Economiche e Politiche presso lo stesso ateneo, e vice preside dell’Istituto Pastorale Redemptor Hominis, ha spiegato ad Aleteia i temi al centro dell’evento.

L’uomo “della crisi” e il lavoro, quale spunto può arrivare dal mondo cattolico?

Felice: L’idea di dare vita a una giornata di studio sul tema “Per una nuova cultura del lavoro” – organizzata dall’area di ricerca Caritas in veritate e dall’Istituto Pastorale Redentor Hominis, entrambi della Pontificia Università Lateranense – è nata dalla consapevolezza che oggi il lavoro può rappresentare ancora lo strumento privilegiato di liberazione per l’uomo. Si tratta di un convincimento che nasce anche dalle ultime esternazioni del Santo Padre, il quale ci ricorda, e qui cito una sua importante dichiarazione, che “non c’è peggiore povertà materiale di quella che non permette di guadagnarsi il pane e che priva della dignità del lavoro”. Una simile dichiarazione andrebbe contestualizzata: papa Francesco affidò queste parole ai partecipanti a un convegno internazionale della Fondazione Centesimus Annus per la Dottrina Sociale della Chiesa, nel maggio 2013, dove trattava il tema della “sovranità”. Allora, ci siamo posti l’obiettivo di approfondire questo aspetto: il papa lega un tema con una profonda dimensione politica come la “sovranità” al tema del lavoro, normalmente trattato dal punto di vista economico, sociologico e giuridico.

Che cosa significa “sovranità”?

Felice: Significa che il lavoro è, autenticamente, uno strumento civile per la liberazione dell’uomo. Il tema della dignità e del lavoro, se noi li scindiamo dalle possibili declinazioni in ambito politico, ossia dalla possibilità che ciascuno di noi sia sovrano e, dunque, capace di scelta e responsabile delle conseguenze dalle sue azioni, appaiono svuotate del loro significato umano. È questo il caso in cui il lavoro è motivo di alienazione. Cosa significa per la Dottrina Sociale della Chiesa e per la tradizione cristiana parlare di alienazione? Significa parlare di un lavoro che perde il tratto di umanità, un tratto che gli è dato proprio dalla capacità di scelta sovrana per la singola persona. Per questo motivo abbiamo cominciato a ragionare sul tema della cultura del lavoro, al di là delle condizioni del lavoro, del diritto al lavoro e del diritto che interessa i singoli lavoratori. La cultura del lavoro ci appare sempre più la cultura della “sovranità”, cioè il tentativo di passare dalla condizione di suddito, protetto, garantito, ma pur sempre suddito, a quella di sovrano, cioè di colui che si prende cura di se stesso e degli altri ed è responsabile delle azioni che compie.

Il successo economico e la dignità, per la Dottrina Sociale della Chiesa, sono valori in antitesi o vanno d’accordo?

Felice: Sono due nozioni, quella del successo nel mondo del lavoro – un successo al quale è naturale e spontaneo che si aspiri – e quella della dignità, che vanno d’accordo avendo come riferimento sempre la nozione di “sovranità”. Qui vorrei tornare al tema della “sovranità”: il sovrano è responsabile, noi dal sovrano ci aspettiamo che risponda, perché responsabile delle conseguenze delle proprie azioni. Dunque, il lavoratore, in quanto cittadino libero, autonomo e “sovrano”, deve poter rispondere delle proprie azioni, perseguire il successo: ed è giusto che questo avvenga, è naturale, è bello, è ciò che ci fa crescere, è ciò che fa crescere l’intera società. Ma quest’aspirazione al successo si deve misurare sempre con il tema della responsabilità, solo allora dignità umana e successo professionale non entrano in contraddizione. Ossia, se io voglio diventare più ricco, più bravo, più abile, un uomo di successo, ben venga questa aspirazione nella misura in cui io sia disposto a rispondere delle conseguenze del mio agire. E queste conseguenze riguardano la vita in comune, toccheranno il mio prossimo, la mia famiglia, la mia azienda. Le mie azioni cambiano la realtà che mi circonda, sia essa quella familiare, sia quella sociale, sia quella istituzionale. E quindi devo essere disposto anche a pagare per le conseguenze di un mio agire che non sia apprezzabile da un punto di vista morale.

  • 1
  • 2
Tags:
lavoro
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni