Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 18 Ottobre |
San Luca
Aleteia logo
home iconNews
line break icon

L’ospedale pediatrico Bambino Gesù: un “sistema” di riferimento europeo

ALESSIA GIULIANI/CPP

<span class="standardtextnolink">November 13,2012: Prof. Giuseppe Profiti, President of the Pediatric Hospital Bambino Ges&ugrave; in Rome speaks during the press conference of presentation of the XXVII International Conference the hospital, setting for Evangelisation: a human and spiritual mission, at the Vatican.</span>

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 18/03/14


Profiti: Nei Paesi in cui maggiore è il bisogno di conoscenze pediatriche, il Bambino Gesù ha portato negli anni la propria esperienza e competenza professionale per aumentare le possibilità che sempre più bambini ottengano le cure necessarie. Attualmente il nostro impegno internazionale si concretizza in interventi assistenziali di cooperazione in 12 Paesi: dalla gestione di centri clinico-chirurgici, ai progetti di alta specializzazione e  formazione residenziale ed anche assistenza clinico-chirurgica a Roma per i casi più gravi. I progetti più rilevanti sono quelli che stabilmente offrono assistenza e cura nel tempo e sono rappresentati dai Centri del Bambino Gesù in Cambogia (Takeo), Tanzania (Itigi) e Vietnam (Hanoi). Accanto a questi progetti si sono sviluppati ulteriori interventi e missioni sanitarie internazionali. L’ultima in ordine di tempo è quella in Libano e in Giordania per i piccoli profughi siriani. In Giordania abbiamo inviato presso l’Ospedale Italiano di Karak, gestito da oltre 60 anni dalle Suore Comboniane, un team di medici specialisti in Neurologia per assistere i casi più drammatici per gravità e trascuratezza.  La neuro-riabilitazione, infatti, è una specialità poco presente nel Paese e l’ultima missione ha potuto trattare oltre 135 bambini affetti da gravi patologie neurologiche incluso il trattamento della epilessia. In Libano abbiamo agito in collaborazione con il Pontificio Consiglio Cor Unum e la Caritas locale, coordinando un progetto di intervento sanitario pediatrico di base nei campi profughi della Bekaa, al confine con la Siria. Nei primi 3 mesi, abbiamo potuto visitare oltre 1500 bambini. E abbiamo intenzione ovviamente di prolungare la nostra permanenza.

Quali sono gli obiettivi di lavoro più immediati del Bambino Gesù per i prossimi anni?

Profiti: Per prima cosa, il consolidamento del “sistema” Bambino Gesù inteso come crescita della rete dei centri regionali. Significa rendere l’offerta ospedaliera pediatrica più efficiente (meno costi per regioni e cittadini) e più efficace: ci si rivolge dove la struttura é in grado di gestire al meglio la patologia. Analogamente, il potenziamento della rete internazionale con due nuovi progetti in Sud America. Questi obiettivi saranno raggiungibili attraverso lo sviluppo della telematica e della telemedicina. Il principio è questo: far viaggiare la conoscenza tenendo fermi per quanto possibile il bambino e la sua famiglia. Lo stesso vale per l’operatore sanitario coinvolto sempre di più nei progetti di e-learning a distanza. Per la ricerca il traguardo ormai prossimo é la partenza del Centro di Ricerche di San Paolo fuori le Mura ovvero l’ingresso nel mondo della medicina molecolare con lo sviluppo e la realizzazione in laboratori dedicati allo sviluppo ed alla produzione dei farmaci del terzo millennio, i prodotti  per le Terapie Avanzate, una speranza per molte persone affette da quelle malattie che le terapie consolidate non riescono a curare. Sul fronte delle innovazioni tecnologiche proseguiremo l’ambizioso progetto attribuitoci dall’Unione Europea "MD-Paedegree" finalizzato alla realizzazione dell’avatar pediatrico, la creazione cioè di un modello di paziente virtuale capace di integrare immagini, dati clinici e analisi genetiche per monitorare la storia di diverse patologie che interessano i bambini. Sull’avatar, creato con i dati del paziente, saremo in grado domani di simulare gli esiti dei diversi trattamenti che possono essere scelti e quindi preferire quello che presenta i maggiori vantaggi con i minori effetti collaterali. Il bambino virtuale aiuterà il bambino vero a curarsi.  Infine, non meno importante anche se forse meno interessante per l’immaginario collettivo, la necessità di trasformare la promozione dalla salute del bambino e dell’adolescente in sistema di cura. Far comprendere che la scelta di uno stile di vita, di un comportamento alimentare equivale a curarsi da soli, meglio e prima di come un ospedale, per quanto all’avanguardia e di eccellenza come il Bambino Gesù, potrà mai fare.​

  • 1
  • 2
Tags:
salute
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
2
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
3
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
6
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni