Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 08 Febbraio |
Beata Giuseppina Bakhita
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Il tedesco che cercò di salvare un sacerdote polacco dal martirio

Poland, World War II

© Public Domain

Gerardo Rodríguez - Aleteia - pubblicato il 18/03/14

Non è stato un caso isolato: accanto a storie di barbarie c'è stato anche molto eroismo

In questo contributo segnaleremo i tentativi di un tedesco che riuscì a liberare dal carcere un sacerdote polacco in occasione del suo primo arresto e gli offrì la propria casa come rifugio temporaneo.

Per capire il contesto, ricordiamo che accanto alle forze di invasione come la Wehrmacht (esercito), la Luftwaffe (forza aerea) e la Kriegsmarine (marina di guerra), che hanno commesso i propri crimini accanto all’apparato repressivo delle SS e della Gestapo, bisogna parlare dei tedeschi “etnici”, ovvero quelli che vivevano in Polonia.

“Non appena l’esercito tedesco era passato, gli uomini della minoranza tedesca si riunivano in milizie di volontari che presto degeneravano in bande vagabonde che si dedicavano a uccidere i polacchi. Alla fine Heinrich Himmler decise di porre queste unità di autodifesa (in tedesco Selbstschutz) sotto il controllo delle SS. Dovevano servire come forza di polizia ausiliaria, ma alcune divennero così sfrenatamente assassine che lo stesso Reinhard Heydrich si lamentò di ‘certi intollerabili e incontrollati atti di vendetta’”.

Chiarito questo, troviamo anche tedeschi che si sforzavano di evitare arresti o di liberare dal carcere i sacerdoti, come in questo caso.

Già all’inizio della guerra, nei primi giorni del settembre 1939, padre Antonio Arasmus era stato arrestato e posto nel carcere di Kartuz. Grazie agli sforzi e all’intervento di un tedesco di nome Albert Höhne, padrone di una proprietà a Borcz e amico del sacerdote, venne liberato. Seguendo i consigli di questo buon tedesco e per evitare un nuovo arresto, rimase per un mese nella casa del suo amico a Borcz. In questo periodo, tutte le domeniche, malgrado il pericolo di una nuova detenzione, si recò nella sua parrocchia per celebrare la Messa. Dopo un mese, pensando che il pericolo si fosse ormai allontanato, tornò a Kiełpin e viveva nella casa parrocchiale, ma vari suoi fedeli gli consigliarono di nascondersi.

Il 27 ottobre 1939 venne arrestato nuovamente. Nonostante un nuovo intervento di Höhne, la polizia tedesca lo portò nuovamente a Kartuz, dove venne sottoposto a interrogatorio. Subito dopo venne trasferito in una zona boscosa accanto alla strada che va da Kartuz a Egiertowa. Prima lo picchiarono selvaggiamente con pugni e il calcio dei fucili; poi, quando era già moribondo, lo trascinarono nel bosco e lo giustiziarono con un colpo alla nuca. Lo seppellirono in una tomba poco profonda, quindi saccheggiarono la casa parrocchiale e costrinsero vari vicini a distruggere la grotta mariana che si trovava vicino alla chiesa.

I fedeli, però, non dimenticarono il loro pastore. Ancora durante l’occupazione seppellirono il corpo del sacerdote in modo migliore, e il 5 giugno 1945 si procedette alla riesumazione del suo cadavere. L’analisi forense rivelò che le braccia e le gambe erano spezzate. Il 13 giugno venne sepolto definitivamente nel cimitero di Kiełpin.

Sulla scena del crimine venne eretto un monumento di pietra con una placca commemorativa del suo martirio.

Chi era questo sacerdote polacco che un tedesco cercò di salvare mentre altri lo andarono a cercare per “regolare i conti”? Ecco la sua storia.

Padre Arasmus era nato il 21 febbraio 1894 a Skórcz. Tre giorni dopo era stato battezzato. Dopo aver terminato la scuola primaria, entrò nel Collegio Mariano di Pelplin (1908-1912). In seguito ottenne una borsa di studio dalla Società Scientifica di Aiuto della Pomerania, e con il sostegno di padre Francesco Podlaszewski studiò nella scuola di grammatica di Wałcz (1912-1914).

Durante la I Guerra Mondiale fu ufficiale dell’esercito tedesco, e dopo la sconfitta in una battaglia cadde prigioniero dei francesi. Essendo testimone e partecipe della crudeltà dei combattimenti al fronte, promise a Dio che se fosse sopravvissuto avrebbe dedicato il resto della sua vita al Signore diventando sacerdote.

Padre Arasmus sopravvisse alla guerra, e in base al voto compiuto entrò nel Seminario Maggiore di Pelplin. Il 14 giugno 1924 venne ordinato sacerdote. Iniziò la sua azione pastorale come vicario della chiesa parrocchiale di San Giacomo Apostolo a Lubichowo e amministratore nella parrocchia di San Giuseppe di Kasparus, dove fece costruire la chiesa e la casa parrocchiale.

Il suo incarico successivo, l’ultimo, fu quello nella parrocchia di San Michele Arcangelo di Kiełpin, dove arrivò il 30 gennaio 1929. La sua azione pastorale si caratterizzava per l’assistenza ai fedeli e la cura della loro vita spirituale – sostenne e istituì varie associazioni religiose (tra le quali la Congregazione Mariana, i Figli di Maria, il Rosario Vivente, la Guardia d’Onore del Santissimo Sacramento, l’Associazione di Giovani), organizzò una missione parrocchiale e soprattutto si assicurava che le celebrazioni quotidiane fossero degne e belle. Rendeva omaggio alla Madre di Dio con uno zelo particolare. Tra le sue opere spicca la grotta mariana vicina alla chiesa ispirata al prototipo di Lourdes.

Fu un sacerdote di profonda fede. Pregava molto e credeva davvero nel grande potere della preghiera.

Parroco sensibile ai problemi umani, sosteneva le famiglie bisognose e dava grande valore alla giustizia e alla verità, segnalando spesso il cattivo comportamento dei propri fedeli. A voce alta e apertamente, esprimeva la sua opposizione alla sottrazione del carbone dagli automezzi che passavano, violando i comandamenti di Dio e i diritti umani. Faceva visita alle persone che agivano male in casa loro per ammonirli. Non aveva paura di criticare le azioni crudeli dei tedeschi che vivevano a Kiełpin e la sanguinosa politica di Hitler. Difese ardentemente la fede e la cultura polacca. Questo non risultava gradito alle autorità tedesche, che lo tenevano sotto sorveglianza. Poi arrivò la guerra…

Padre Antonio Arasmus è una figura di spicco per la parrocchia di Kiełpin, che curò in periodi difficili nei quali rimase impressa nella mente dei suoi fedeli l’immagine di un sacerdote dedito a Dio e alla sua gente, che lottava a ogni costo per la fede, la bontà e la giustizia.

Padre Arasmus appartiene al secondo gruppo di martiri polacchi assassinati per odio alla fede durante il nazismo. Il processo diocesano si è già concluso, e ora si trova nella fase romana.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
lagermartirionazismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Daily prayer
And today we celebrate...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
See More
Newsletter
Get Aleteia delivered to your inbox. Subscribe here.