Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quaresima, aborto, perdono

© TERRE D'AMERICA
Condividi

In una diocesi della Colombia il vescovo autorizza i sacerdoti ad impartire il perdono alle donne che confessano di aver abortito

Una quaresima diversa per molte donne colombiane, quelle, almeno, che vivono nell’oriente del paese, nella diocesi di Sonsón-Rionegro retta dal vescovo Fidel León Cadavid Marín. I 462 sacerdoti residenti potranno amministrare il perdono, dunque il sacramento della comunione, alle donne che nel tempo di quaresima confessano di aver abortito. Il decreto del vescovo è esteso alla giurisdizione di Antioquia e avrà validità per il tempo liturgico di quaresima, dunque sino al giorno di Pasqua. La disposizione è estesa anche agli uomini che abbiano in qualche modo provocato, o approvato e sostenuto la decisione della donna, così come ai medici, infermieri e altri professionisti che fossero implicati nell’azione di abortire.
L’aborto, come si sa, è un atto di grande gravità e prevede la scomunica automatica, che può essere revocata, e il peccato assolto, solo dal vescovo.

Monsignor Fidel León Cadavid Marín, 62 anni, studi alla Gregoriana a Roma, nominato vescovo da Giovanni Paolo II nel 2001, ha esteso la facoltà al clero in un arco di tempo determinato e di grande significato per la Chiesa com’è la quaresima “per mostrare che Dio è clemente, ricco e misericordioso” ha spiegato il presule. Il vescovo Cadavid Marín, a lungo parroco e professore nel seminario di Medellín, la seconda città della Colombia, ha anche denunciato l’estensione del fenomeno dell’aborto nella zona e richiamato gli uomini ad assumere la responsabilità del figli, tutti, anche quelli indesiderati o non previsti.

Qui l'originale

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni