Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quando il magistero cambia

© Philippe NOISETTE / CIRIC
Celebración de una boda en Savigny (Francia)
Condividi

Le idee della fede non vengono prima, una volta per tutte come elenco di verità da credere, ma in corso d'opera come conseguenza della fede vissuta dalla Chiesa

di Gilberto Borghi

La discussione sul caso Kasper, sollevata dai post degli amici Roberto Beretta e Moreno Migliorati, mi ha spinto a qualche considerazione ulteriore. Come ho già detto in un commento, a me la soluzione di Kasper non piace. Ma il problema che mi ha colpito è un altro. Che in questa vicenda, come in altre, ci sia poco chiaro come si arriva alle idee della verità di fede e che valore hanno.

Parto da qui. Il commento di Blas al post di Beretta si chiedeva se il magistero cambi o no nel corso della storia. A non cambiare è la fede, non il magistero. Il magistero cambia eccome. E se volete vi porto le prove. Ma soprattutto, se non cambia, cosa ci starebbe a fare in ogni epoca un magistero? Bastava la "magisterialità" degli apostoli, che avrebbero potuto definire tutto subito e per sempre. Ma non è andata così. "Io ho pregato per te, perché non venga meno la tua fede e tu, una volta ravveduto, conferma i tuoi fratelli". Quindi la possibilità che ci sia un ravvedimento del magistero, sta nella radice stessa del ruolo di Pietro.

Se no bastava un elenco chiaro e distinto di cosa va creduto e non creduto, una volta per tutte. Se tale elenco definitivo nel cristianesimo non esiste (e fino a prova contraria non esiste!) ci sarà un motivo. Dio di solito non fa cose a caso! E perché non l’ha fatto? Forse che Dio gioca al gatto col topo con l’uomo su ciò che va creduto? Quasi che l’insieme delle verità di fede sia già definita e conclusa, conservata da qualche parte nell’iperuranio, e che l’uomo debba scoprirle un poco alla volta?

Dio non lo ha fatto, invece, perché la verità di fede è la conseguenza del nocciolo della fede, cioè la relazione con Cristo, non la sua causa. Perciò le idee della fede non vengono prima, una volta per tutte come elenco di verità da credere, ma in corso d’opera come conseguenza della fede vissuta dalla Chiesa. Se scambiamo le due cose perdiamo il centro, cioè la relazione con Cristo. Nel cristianesimo capire e vivere sono due verbi assolutamente correlati, di cui però il secondo è la causa del primo e non viceversa, come invece la modernità ci ha convinto a pensare. I primi cristiani hanno vissuto senza la chiarezza dei dogmi eppure la loro fede era vissuta fino alla santità, anche più della nostra. I primi cristiani non spiegavano ai catecumeni i sacramenti prima di averli celebrati, ma solo dopo. Con la modernità, invece, la Chiesa ha rovesciato le cose e così ha rischiato davvero di perdere la centralità della relazione con Cristo. Che è ciò che ora, la post-modernità ci mostra che dobbiamo recuperare, per essere fedeli al vangelo, non alla cultura attuale.

Il magistero quindi esiste non solo perché la realtà continua a progredire e pone domande non esistenti ai tempi di Gesù. Questo sarebbe solo un adeguamento storico. Ma soprattutto perché lo Spirito continua a soffiare nella Chiesa e nella storia per introdurci alla "verità tutta intera". Cioè, esiste un approfondimento, un chiarimento, una riconsiderazione necessaria delle verità, perché la fede, da cui esse derivano, vivendola si approfondisce, si chiarisce e viene riconsiderata.

E poi ci si dovrebbe capire sulla parola magistero. Ne esistono almeno tre livelli, codificati dal magistero stesso. Quello solenne, infallibile e irreformabile, che non cambia, ma che è usato con molta parsimonia nella Chiesa, a cui si deve obbedienza, se no non si è nella Chiesa. Per intenderci quello dei dogmi definiti dal papa ex cathedra o dai concili con dichiarazione solenne. Poi c’è il magistero ordinario, che invece è fallibile e riformabile, quindi può cambiare. Ad esso si presta assenso di fede, quindi va creduto, ma è passibile di messa in discussione. Per intenderci è quello delle encicliche, dei documenti dei concili e dei catechismi generali della Chiesa. Poi c’è il magistero di singoli autorevoli vescovi della Chiesa, sul quale non è però chiesto l’assenso di fede, perciò può cambiare anche radicalmente, e al quale si deve solo un religioso ascolto e la possibilità di messa in discussione.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni