Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Fondatore di Google è a rischio Parkinson e la moglie si separa

© DR
Condividi

Accade a Sergey Brin: la consorte lo lascia dopo gli studi genetici che hanno rivelato la sua alta predisposizione alla malattia. Ecco dove può arrivare la paura per la sofferenza

Malato? Lasciato. E’ successo a uno degli uomini più ricchi del pianeta. Sì perché come scrive Tgcom 24 del 14 marzo, Sergey Brin, co-fondatore di Google e Anne Wojcicki, bella e intelligente, erano sposati da 6 anni, due figli. Ora, da circa 6 mesi, vivono separati. Cosa ha rotto l’incantesimo?

Esame Dna
Sembra che dietro l’allontanamento ci sia l’esame del Dna. Di lui, perché la società di ricerche genetiche 23andMe gli ha fatto scoprire che una mutazione dei cromosomi lo espone con alta probabilità al morbo di Parkinson. Ed ecco la causa della rottura. L’esito dell’analisi del patrimonio genetico, eseguita dell’impresa che fa capo alla signora Anne, ha rivelato, come scrive il Corriere della Sera, che a Sergey restano pochi anni "buoni" da vivere, una decina circa.

La donna di Google
In fumo dunque la relazione con la donna che di Google fu a modo suo l’anima: il padre della signora Brin, il polacco Stanley Wojcicki, professore alla StanfordUniversity, fu tra le "guide spirituali" dello stesso Sergey e di Larry Page, quando erano ragazzi. E, cosa non secondaria, la stessa Google fu fondata nel garage della sorella di Anne, Susan, oggi vicepresidente del gruppo. 

Paura della sofferenza

Gli screening del Dna dovrebbero servire a prevenire o ad agire per risolvere un problema. In questo caso sembra che l’abbiano causato. Perché? I
n una società che ha paura della morte e della sofferenza 
si cerca di cancellare il dolore, (anche futuro) come in questo eclatante caso, dove addirittura l’evento non è neppure avvenuto. E se
 accadrà (forse) sarà tra dieci anni e senza presentare
 certezze assolute. Inoltre, visti i progressi della scienza,
 se domani si scoprisse una cura per guarire dal Parkinson cosa farebbe la ex-signora Brin?
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.