Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 19 Gennaio |
Santi Mario e Famiglia
home iconStile di vita
line break icon

Fecondi momenti di solitudine

PH: JM MAZEROLLE/CIRIC

padre Carlos Padilla - Aleteia - pubblicato il 14/03/14

Di fronte a decisioni importanti, cambiamenti di rotta o momenti di crisi, dovremmo lasciare che lo Spirito ci spinga nel deserto

Gesù aveva bisogno di andare nel deserto a cercare la sua anima, per stare un po’ in solitudine, per dialogare in maniera profonda con il Padre: "A quel tempo, Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo". Gesù inizia un lungo viaggio alla ricerca di se stesso, alla ricerca di suo padre, della sua strada, del suo volto.

Porta domande e cerca risposte. Prega, in silenzio, in attesa, desidera. Scava nelle profondità della sua anima. Lui sa di essere amato dal Padre. Lo ha sentito nel profondo. Cerca ora la sua strada e si addentra nella solitudine del deserto. Per rispondere al fuoco che era nella sua anima. Per chiedersi e per chiedere al Padre quale fosse la sua missione, come portarla a termine, come, dopo 30 anni a Nazareth, iniziare il cammino. Qualcosa finiva e qualcos’altro era cominciato. E ‘ stato un momento di rottura.

Gesù aveva bisogno di silenzio e solitudine per guardarsi dentro. Come doveva essere profonda la sua anima! Quante cose si saranno detti Gesù e suo Padre in privato! Gesù provò la fame. Che umanità! Inoltre avrà avuto paura. Si sarà sentito solo e avrà rimpianto la sua famiglia. Avrà avuto così tante domande su di Lui e il desiderio di partire per compiere la volontà del Padre, per fare sempre quello che Lui voleva.

Sono stati giorni di dedizione, nei quali Gesù sentì questa voce: “Tu sei il mio amato figlio, mio figlio prediletto". Ma sicuramente, in quei giorni, non sempre ascoltò il Padre. Come noi. Ci fu silenzio e ricerca. Fame e sete.

Il deserto è un momento cruciale nella vita di ogni persona. Anche per Gesù. Egli è Dio ed aveva bisogno di confrontarsi con il Padre, confrontarsi con se stesso e chiedersi: "Chi sono io?”. Qual è la mia missione?”. Egli ha passato ciò che passiamo noi e così ci indica la strada.

E’ vero che molte volte fuggiamo quando abbiamo domande o dubbi che ci tormentano. Cose che ribollono dentro di noi e a volte non sappiamo da dove vengono. Andiamo avanti e ci spaventa guardare noi stessi, restare soli con noi stessi, in silenzio, senza rumori o luci. Perché abbiamo paura del vuoto, o forse perché temiamo quello che possiamo trovare. Oppure pensiamo che non ne abbiamo bisogno.

In quei giorni di deserto, che lasciarono Gesù nell’intimità, Lui visse un lungo periodo di tempo. Trovò, in dialogo con il Padre, il punto da dove cominciare; scoprì la sua missione: mostrare il volto di Dio agli uomini, con le sue parole, con le sue opere, in Se stesso.

Scoprì la sua vocazione di pellegrino, di Figlio di Dio, di pastore, strada, pane, luce, vita, medico, salvatore, porta. E’ un momento di incontro viscerale. E Gesù è nel punto più profondo. Un momento di solitudine, domande, piccole luci, sogni, paure, speranze e incertezze. Di totale affidamento, di dedizione verso il futuro. Di gioia di scoprire se stesso.

Quali sono state, nelle nostre vite, le esperienze del deserto? Momenti di solitudine, di ripiegamento su noi stessi, forse aridità. A volte, di fronte a decisioni importanti, cambiamenti di rotta o momenti di crisi, dovremmo lasciare che lo Spirito ci spinga nel deserto affinché Dio parli al nostro cuore. E’ necessario il silenzio per ascoltare Dio.

Il deserto è immenso, l’orizzonte sterminato. Abbiamo bisogno di questo sguardo ampio per osservare in profondità la nostra vita. Il cielo ampio. Pieno di stelle. La sabbia senza fine. Sentirci piccoli. Gesù ci insegna a ripercorrere il suo cammino, le sue stazioni e le fermate, le ricerche e le risposte.

Tags:
gesù cristoquaresimasilenziosolitudinespiritualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
4
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
5
Papa Giovanni Paolo II
Philip Kosloski
La formula di San Giovanni Paolo II per sconfiggere il male nel m...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni