Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 16 Giugno |
Santi Quirico e Giulitta
home iconStile di vita
line break icon

Contro il bullismo, una bambina coraggiosa e un banco dell’amicizia

© TinyGirlBigDream

Oleada Joven - pubblicato il 12/03/14

Acacia, una bambina americana con una deformazione alle mani, era oggetto di scherno... fino a che non ha avuto un'idea

Acacia Woodley vive in Florida (Stati Uniti). È nata senza la mano destra e con quella sinistra deformata.

Per molto tempo il suo aspetto è stato oggetto di derisione e rifiuto da parte di alcuni compagni, ma grazie all'educazione ricevuta dalla madre, che ha deciso di concentrarsi su tutto ciò che sua figlia poteva fare, ad Acacia non importa essere diversa. Anzi, le piace.

Anziché arrabbiarsi o deprimersi, ha chiesto alla preside di poter parlare a tutti i suoi compagni in pubblico per dimostrare loro che non era speciale né strana, ma solo una bambina come tutte le altre.

Ora nella sua scuola è andata oltre, creando un luogo per “cercare” amicizia, consolazione o incoraggiamento, e lo ha chiamato “banco dell'amicizia”.

Fabbricato in casa, è dipinto a colori vivaci e riporta parole come “rispetto”, “coraggio”, “onestà”, “sorriso” e la sua parola preferita, “sogno”.

Il banco è stato un grande successo nella scuola. I bambini e le bambine che sono da soli in cortile vi cercano compagnia per chiacchierare, condividere, ridere… e cercare di risolvere conflitti, trovare sostegno, sicurezza e un abbraccio. Tutti vogliono usarlo, anche la preside, che porta lì gli alunni per porre fine a un litigio.

Acacia ha anche proposto che, come si mettono in atto azioni per far fronte a comportamenti negativi (come il bullismo), se ne attuino anche per i gesti di gentilezza e amicizia.

Oggi la sua idea del banco dell'amicizia si sta estendendo in molte scuole, e sua madre ha fondato un'associazione di aiuto chiamata “Tiny Girl, Big Dream” (http://www.tinygirlbigdream.org/) per fabbricare questi banchi con materiali riciclati e distribuirli nelle scuole della Florida.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
bullismoscuola
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
ANDREA BOCELLI FATIMA
Paola Belletti
Andrea Bocelli a Fatima: “Maria è il percorso obbligatorio ...
6
POWELL BROTHERS
Sarah Robsdotter
Il video di un bambino che canta al fratellino Down diventa viral...
7
Aleteia
Chi sorride così al momento della morte?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni