Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 26 Luglio |
Santi Gioacchino e Anna
home iconNews
line break icon

Padre Gerard Hammond, l’apostolo della Corea del Nord

AP Photo/Yonhap, Lee Ji-eun

Mirko Testa - Aleteia - pubblicato il 07/03/14

E' uno dei pochissimi a poter entrare nel Paese per portare aiuti e medicinali

Di nazionalità statunitense, padre Gerard Hammond dopo circa 40 anni è riuscito a diventare cittadino sudcoreano. Lui che da giovane missionario dei Maryknoll può vantare più di 30 viaggi al di la del confine che, dal 1953, separa in due la penisola coreana e senza mai dover nascondere la sua identità e il suo amore per Cristo.

Giunto per la prima volta nel 1960, si legge in un servizio apparso su “A Sua Immagine” (8 marzo), nei primi anni Novanta entra in contatto con la Eugene bell foundation, la fondazione retta da Stephen Linton, un filantropo americano figlio di un grande predicatore protestante, il cui scopo primario è il contenimento e la cura della tubercolosi, che all'epoca nella Corea del Nord era una vera e propria emergenza mentre oggi è divenuta endemica.


Grazie alla Eugene bell riesce quindi ad essere inserito nella delegazione che, due volte l'anno, per viaggi della durata dai dieci ai ventuno giorni ha il permesso di recarsi in Corea del Nord per portare aiuti sanitari ai malati e agli ospedali.

Padre Hammond, racconta ancora “A Sua Immagine”, viaggia sempre vestito da sacerdote e celebra la messa nella cappella dell'ambasciata polacca a Pyon-gyang. I funzionari governativi che lo controllano, con il tempo, hanno imparato ad apprezzare il suo stile.

Il missionario ha superato ormai gli 80 anni ma non ha mai rinunciato ai suoi sogni di pace: “Io non credo di aver fatto nulla di speciale: ho cercato di costruire ponti e li ho sempre attraversati con cautela. Spero davvero che questo possa un giorno contribuire a rendere la Corea unita e pacificata”.

Tags:
corea del nord
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
4
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
5
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
6
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
7
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni