Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Luglio |
Santi Nazario e Celso
home iconNews
line break icon

Se i prof pensionati tornano a scuola

© Alain PINOGES/CIRIC

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 06/03/14

Fa discutere l’iniziativa del Comune di Brescia di utilizzare nelle scuole insegnanti in pensione che lavoreranno gratis

In un sistema scolastico afflitto dalla mancanze di risorse da un lato e dal precariato esasperato di molti docenti dall’altro (e in attesa degli investimenti promessi dal Governo Renzi), fa discutere l’iniziativa partita da alcune  scuole di Brescia e approvata dall’assessore comunale alla pubblica istruzione Roberta Morelli, di far tornare in attività gli insegnanti in pensione che presterebbero la loro opera nelle stesse scuole sotto forma di volontariato. L’attività di questi insegnanti sarebbe rivolta soprattutto al sostegno linguistico degli studenti stranieri, ma è previsto anche l’ausilio di ingegneri e musicisti pure in pensione che potrebbero potenziare l’insegnamento della matematica oppure organizzare varie attività.

Gli ex insegnanti che ne faranno richiesta, consegneranno il proprio curriculum al Comune e saranno quindi inseriti in un albo ad hoc. Le liste saranno poi consegnate ai singoli istituti. L’idea nasce proprio dall’esigenza di fornire assistenza agli studenti stranieri che nell’anno scolastico in corso rappresentano, solo a Brescia, il 25% di tutti gli iscritti alle scuole elementari e medie del capoluogo lombardo.

Assolutamente contraria alla proposta l'Anief, l'associazione sindacale che raggruppa docenti e ricercatori: "Dopo la carta igienica pagata dalle famiglie, le minacce di ridurre i riscaldamenti, i ritardi nel pagamento dei supplenti e il tentativo di assicurare gli aumenti di stipendio con il taglio delle attività extra-didattiche, arriva il professore in quiescenza che torna a lavorare senza compenso: la carenza di soldi nelle scuole sta producendo delle soluzioni sempre più ingegnose. Ma che a volte sembrano oltrepassare il buon senso". L'Anief si è scagliata contro il ritorno dei docenti in pensione affermando che questo "è solo un modo per evitare di pagare dei professionisti, una deriva che trae origine dai tagli ai finanziamenti per le scuole e dalle inadempienze dei pagamenti da parte del Ministero delle Finanze" (Repubblica.it 24 dicembre 2013) .

Non nascondono la preoccupazione anche i sindacati maggiori: “Va bene il volontariato, ma che non diventi la pezza per tappare i buchilasciati da anni di tagli”, è il commento di Laura Treccani, responsabile scuola della Cisl di Brescia. “Sappiamo che il volontariato nella scuola c’è già, sopratutto per l’alfabetizzazione, e va bene regolamentarlo – prosegue -. Il rischio, però, è che dal governo pensino che tanto ci sono i volontari a colmare le carenze e che quindi si possa continuare a tagliare. Noi, invece, vogliamo che si investa nella scuola” (Il Giorno 7 gennaio). Cauto nel dare un giudizio, Pierpaolo Begni, Cgil Scuola: “Forse c’è stato un po’ di allarmismo, ma prima di pronunciarmi voglio verificare come funzionerà questo progetto. Se un ex docente in pensione è appassionato di ceramica e vuole tenere un corso del genere, non si può dire che porti via il lavoro ai precari. Sull’alfabetizzazione, bisogna vedere come saranno impiegati” (Il Giorno 7 gennaio).

Diversa invece la prospettiva vista dal mondo del no-profit. Per la testata Vita.it (7 gennaio), l’iniziativa di Brescia potrebbe rappresentare “un passo per organizzare in maniera più funzionale un mondo di generosità che già esiste nei vari doposcuola e che se volontari e ufficio scolastico si parlano può diventare più fruttuoso” anche perché “stiamo parlando di progetti, non di ore curriculari”.

Tags:
insegnantino profitscuolavolontariato
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
ABORTION
Giovanna Binci
Ride, balla, abortisce e posta: teenager “celebra” ab...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni