Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 28 Novembre |
Santa Caterina Labouré
home iconStile di vita
line break icon

Geometrie ecclesiali

© Public Domain

Vinonuovo.it - pubblicato il 06/03/14

Un professore chiede alla sua classe: "Ragazzi, se dovessimo rappresentare la Chiesa con una forma geometrica, voi che cosa disegnereste?"

di Gilberto Borghi

"Ok, ragazzi, non è per niente facile capire che cosa è sul serio, perciò andiamo per gradi e partiamo con un po’ di italiano e un po’ di geometria". Mi sono sorpreso ad usare questa frase, ma di fatto è quello che mi succede già da tempo quando devo parlare della Chiesa. Una della questioni più complicate in assoluto su cui far lavorare i ragazzi, soprattutto se siamo in una seconda. Perché i pregiudizi si alzano dal cuore immediatamente appena si cita il nome.
Ecco appunto, di solito parto dal nome. "Sapete da dove deriva la parola Chiesa?" "Da casa, prof?" dice Melissa, così istintiva. Forse l’essere casa di Dio o forse l’assonanza fonetica la spinge li. "Uhm, devo dire che non è la risposta giusta, Melissa, però c’è un senso anche in quello che hai detto tu. No, Chiesa viene dal latino ecclesia, che a sua volta viene dal greco ek-kaleo, che tradotto alla lettera significa chiamati-da. E secondo voi chi è che chiama e chi è che è chiamato?" "Il prete chiama gli altri quando c’è la Messa", fa Giulio, di pancia come Melissa. "No – ribatte Alba – chi chiama è Dio e quelli chiamati siamo tutti noi". "Ok, Alba – le dico – questo mi sembra molto più esatto. E Chiamati perché? A fare cosa?" "Ad avere fede" risponde lei. "Bene, perciò la Chiesa cos’è?" "L’insieme dei quelli che hanno fede" – conclude di botto Gianluca.

"Ok – dico – allora fissatelo bene in testa, la Chiesa è l’insieme di coloro che hanno fede, ma fede in Cristo, nel fatto che lui sia risorto e sia Dio, l’anno scorso l’abbiamo visto. Meno di questo è difficile dire che si è Chiesa. Perciò vi chiedo: è più importante, perché esista la Chiesa, l’insieme dei fedeli o il papa?". La domanda li ha sorpresi un po’. Silenzio e sguardi incerti. Poi Alba ci prova: "Beh da quello che abbiamo detto l’insieme dei fedeli, ma mi suona male che il papa venga dopo, come importanza". "Lo so – le dico – anche a me all’inizio suonava male, però se usiamo un po’ di geometria forse lo capiamo. Se dovessimo rappresentare la Chiesa con una forma geometrica, voi che cosa disegnereste?"

Gianluca salta su: "Sul libro di storia delle medie c’era un triangolo bello grande che aveva in cima il papa, poi i monsignori, poi i cardinali e poi i fedeli normali". "Gianluca, mi sa che hai fatto un po’ di confusione. Se c’era un triangolo è probabile che in cima ci fosse il papa, poi i cardinali, poi i vescovi e poi i fedeli. Ma se abbiamo detto che la Chiesa è l’insieme di quelli che sono chiamati da Dio alla fede, nel triangolo di Gianluca Dio non c’è. Va bene così?" "No, prof. per me non è il triangolo, per me è il cerchio". Dal lato del muro Anna interviene con una certa sicurezza. E continua: "Se mi immagino che Dio chiama noi, le persone, a credere allora penso che siamo tutti lì vicini a Lui che sta nel centro e noi lì attorno siamo tutti vicini tra di noi, perciò dai, è un cerchio".

"Bene – faccio io – l’idea di Anna mi piace proprio. Indica bene che la Chiesa è stare vicino a Dio, in comunione con Lui". E disegno un cerchio alla lavagna, con due puntini, uno vicino alla circonferenza e l’altro vicino al centro. E chiedo alla classe: "Se ha ragione Anna, allora la distanza di ognuno di questi due puntini (persone in realtà!) dal centro del cerchio (Dio!), è diversa, come vedete. Questa differenza è data dal ruolo che queste persone svolgono nella Chiesa o dalla loro fede, dalla comunione con Dio?" "Beh prof. – ribatte Gianluca – come fa un prete ad essere più distante dal centro di uno come me?". E Anna ribatte: "Cavolo delle volte i preti fanno delle cose terribili, e non credo che tu sia così temendo, dai".

  • 1
  • 2
Tags:
chiesa cattolicacomunione dei santigerarchiaspirito santo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
FIRST CENTURY HOUSE AT THE SISTERS OF NAZARETH SITE
John Burger
Archeologo britannico pensa di aver trovato l...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni