Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 22 Giugno |
Paolino di Nola
home iconNews
line break icon

Combattere il neopaganesimo

Quinn Dombrowski

Jeremy Dela Cruz - Aleteia - pubblicato il 06/03/14

In un intervento recente, l'arcivescovo Salvatore Fisichella, ha parlato della guarigione della nostra cultura

In un sala conferenze gremita dello Hesburgh Center for International Studies presso l'Università di Notre Dame (Stati Uniti), l'arcivescovo Salvatore Fisichella ha espresso il suo pensiero sul ruolo della Chiesa nella società contemporanea. Il ritmo caloroso del suo accento italiano ha reso il suo discorso quasi musicale, affascinando gli studenti e il personale della Notre Dame con ogni esitazione sulle stranezze fonetiche della lingua inglese.

Come presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, Fisichella è prudente nel preoccuparsi del linguaggio, sostenendo che la Chiesa deve affrontare le sfide del “neopaganesimo” – un umanesimo che minaccia di corrompere il significato tradizionale di concetti come l'uguaglianza e la libertà. Il suo discorso sul rapporto tra cattolicesimo e cultura è stato promosso dal Nanovic Institute for European Studies come parte della sua serie di conferenze Terrence R. Keeley Vatican Lectures, e arriva sulla scia di un incontro recente tra papa Francesco e una delegazione della Notre Dame. Il papa ha ricordato ai rappresentanti dell'università che “è essenziale una coraggiosa testimonianza delle università cattoliche nei confronti dell’insegnamento morale della Chiesa e della difesa della libertà di sostenere tali insegnamenti”.

Per monsignor Fisichella, l'imposizione del primato dell'individuo sulla società, la perdita di credibilità istituzionale e la perdita progressiva del senso religioso sono problemi che non dovrebbero essere considerati “una preoccupazione di second'ordine” per la Chiesa. A suo avviso, i cristiani sono chiamati a dare una testimonianza positiva della fede per difendere la fattibilità della società occidentale e trasformare le persone che incontrano con la Parola di Dio. “Il nostro compito principale è portare il Vangelo a tutti”.

Paragonando il secolarismo dell'era attuale alla persecuzione dei cristiani al tempo dei romani, monsignor Fisichella ha ricordato a quanti lo ascoltavano che non si deve mai scendere a compromessi con il relativismo etico e la concezione utilitaristica della persona che cerca di separare la fede dalla scena pubblica. Una separazione del genere è simile a un tipo di “schizofrenia” sociale e a una “mutazione di paradigma del pensiero”. L'arcivescovo attribuisce lo sviluppo e il pensiero storico del mondo occidentale al fatto di essere radicato nel cristianesimo, “un patrimonio vivente di cultura e di valori”. Senza la Chiesa ci sarà una società diversa, ma “una civiltà simile nascerebbe cieca e mutilata”. Per questo, ha suggerito che l'emergere di nuove leggi basate sulla ridefinizione di alcuni concetti porterà a una nuova cultura destinata alla povertà, al limite e a una debole solidarietà sociale.

Richiamando il messaggio del Santo Padre ai membri della Notre Dame, monsignor Fisichella ha identificato il ruolo fondamentale dell'istruzione superiore cattolica nella formazione di persone disposte a discernere l'obiettivo della propria vita e nella difesa contro la prevalente cultura dell'indifferenza sociale. “Un'università prima di tutto ha la responsabilità di testimoniare ciò in cui crede”.

Nel suo intervento, Fisichella ha poi sottolineato l'opzione preferenziale per i poveri e la protezione dei concepiti, contrastando l'assenza del valore oggettivo della dignità umana e del rispetto reciproco nel neopaganesimo, che vede la tolleranza “come una via a senso unico”.

“La sfida che ci attende”, ha concluso, “è un autentico progetto per una cultura della vita”.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
mons. rino fisichellasecolarismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
7
MORNING
Philip Kosloski
Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra gior...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni