Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Luglio |
Santi Nazario e Celso
home iconChiesa
line break icon

Che cosa pensare delle chierichette?

© Corinne SIMON/CIRIC

don Antonio Rizzolo - Credere - pubblicato il 06/03/14

Si possono ammettere per il servizio all'altare sia uomini che donne?

Caro direttore,

una volta i chierichetti potevano essere solo maschi. Oggi, invece, sempre più spesso vedo sull'altare delle bambine. Secondo lei, è giusto? Ci sono regole in merito?

Adele, Pescara

Prima di tutto, cara Adele, il termine chierichetto è improprio e può creare confusione. Meglio parlare di ministrante, come fa anche il Concilio Vaticano II nella costituzione sulla liturgia Sacrosanctum Concilium (n. 29). Questa scelta linguistica permette di capire il nodo della questione. La parola ministrante deriva dal latino ministrans, che significa “colui che serve”. Il compito, dunque, è quello di servizio durante le celebrazioni liturgiche. Chierichetto invece significa “piccolo chierico”. E' un termine impreciso perché i chierici di per sé sono coloro che appartengono al clero, i ministri sacri, distinti perciò dai laici. Parlare di chierichetto potrebbe far pensare a un ruolo di supplenza alla mancanza di clero, mentre quello del ministrante è un ministero laicale, svolto in forza del battesimo. Secondo san Tommaso d'Aquino, il carattere battesimale implica infatti una potenza spirituale che abilita all'esercizio del culto divino. Perciò ogni battezzato, sia uomo che donna, può partecipare attivamente alla liturgia ed è abilitato a fare tutto ciò che non è proprio ed esclusivo del ministro ordinato, vescovo, prete o diacono. Così pensa, ad esempio, l'illustre liturgista Matias Augé.

Da questo punto di vista, perciò, non c'è nessun problema se tra i ministranti ci sono ragazzi e ragazze. C'è però qualche regola in merito? L'11 luglio 1992 Giovanni Paolo II ha sottoscritto una dichiarazione del Pontificio Consiglio per l'interpretazione dei testi legislativi nella quale si stabiliva che tra le funzioni liturgiche che i laici, uomini e donne, possono compiere è compreso il servizio all'altare. Il riferimento era al canone 230 § 2 del Codice di diritto canonico. Questa possibilità è lasciata al giudizio dei vescovi, sentito il parere della propria conferenza episcopale, per rispettare le tradizioni e le sensibilità di ogni luogo. L'istruzione Redemptionis sacramentum del 2004, al n. 47 ribadiva che al servizio dell'altare “si possono ammettere fanciulle o donne a giudizio del vescovo diocesano e nel rispetto delle norme stabilite”. In qualche occasione il servizio da parte di ministranti femmine è stato svolto anche durante la Messa del Papa. La prima volta nel 1995 con Giovanni Paolo II.

Concludo con due bevi riflessioni. Aiutare il sacerdote all'altare non è un privilegio, ma un servizio e richiede una catechesi e una preparazione adeguata. E' un compito che diventa, come ha ricordato Benedetto XVI a un raduno internazionale dei ministranti nel 2006, una testimonianza: “Il vostro atteggiamento raccolto, la vostra devozione che parte dal cuore e si esprime nel gesti, nel canto, nelle risposte; se lo fate nella maniera giusta e non distrattamente, in modo qualunque, allora la vostra è una testimonianza che tocca gli uomini”.

La seconda riflessione riguarda la costituzione del gruppo dei ministranti in parrocchia: è importante coinvolgere tutti, maschi e femmine, insistendo magari un po' di più con i ragazzi, che a volte cercano di evitare impegni e fatiche. Ci sono molti sussidi, anche in internet, a cui attingere, cogliendo l'occasione da parte del parroco e dei suoi coadiutori per un'adeguata formazione liturgica.

Tags:
chierichettiliturgiapapa benedetto xvi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
ABORTION
Giovanna Binci
Ride, balla, abortisce e posta: teenager “celebra” ab...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni