Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Vogliamo essere una Corea del Nord con crocifissi?

Thaths
Condividi

Un Paese drogato e le tentazioni di disintossicarlo con la forza

La maggior parte degli attivisti sobri capirebbe tutto ciò. Ma… Ad alcuni di loro non importerebbe. Alcuni sarebbero così indignati nei confronti della cultura della droga, o talmente appassionati della propria giustizia, che griderebbero ai quattro venti che tutte le droghe devono essere proibite e che i membri del movimento che non concordano con questo non sarebbero sinceramente contrari alla devastazione provocata dalle droghe. Adottando questo atteggiamento radicale, richiamerebbero molta più attenzione, e probabilmente farebbero molti più soldi. Di tanto in tanto, potrebbero attaccare e cercare di distruggere gli altri attivisti del movimento, trovandoli “incoerenti” e “troppo condiscendenti verso la cultura delle droghe”, visto che non affrontano la questione della marijuana con la stessa determinazione di sobrietà con cui combattono l’eroina. Cosa provocherebbero nel movimento questi attivisti dalla linea dura? Riuscirebbero a screditarlo, dichiarando a tutti che, una volta proibita l’eroina letale, il prossimo passo sarebbe bandire anche la droga meno nociva consumata dalla maggior parte dei cittadini.

Questo messaggio sarebbe musica per le orecchie dell’industria dell’eroina, i cui leader andrebbero in brodo di giuggiole ogni volta che i rappresentanti della “linea dura” attirano un po’ di attenzione sulla stampa. Ma alla linea dura non importerebbe: alla fine, è più concentrata sul provare l’integrità delle sue motivazioni e la consistenza della sua logica che sull’impedire che le persone muoiano per overdose di eroina. Il suo cuore è puro e le sue mani sono pulite: continuerebbero a marciare a testa alta.

Allo stesso modo, esiste oggi un piccolo contingente di fedeli cattolici non soddisfatti nel reiterare (come del resto dovremmo fare tutti) gli insegnamenti della Chiesa sulla contraccezione e sulla castità. Non si accontentano di affermare che l’aborto dovrebbe essere illegale, e cercano di convincere i cittadini che ci sono costi morali e sociali elevati e occulti nella contraccezione. Insistono sul fatto che questa viola la legge naturale e lo Stato farebbe bene a proibirla.

Mettiamo da parte l’analogia con le droghe ed esaminiamo direttamente la questione del sesso. È vero che nessuno ha il diritto morale di fare qualcosa di autodistruttivo e peccaminoso. Atti che violano la legge naturale sono intrinsecamente negativi e non dobbiamo considerarli come un “esercizio di diritti personali”. Sono abusi della libertà. Non servono per la nostra vera ricerca della felicità.

Anche così, significa che sarebbe prudente rendere tutti questi atti illegali?

Sappiamo che l’esistenza di Dio può essere riconosciuta con la ragione; possiamo quindi affermare che l’ateismo non rispetta la legge naturale. Ma questo vuol dire forse che dobbiamo proibire tutti i libri di base atea e togliere i figli degli atei dalla casa dei genitori per farli allevare da persone cristiane? Evidentemente no, perché questo violerebbe beni maggiori, come la libera espressione delle idee e l’integrità della famiglia. Esistono innumerevoli atti, del resto, che le persone compiono tutti i giorni e che violano la legge naturale. Questi atti potrebbero essere proibiti solo da uno Stato totalitario e dittatoriale. Allo stesso modo, i farmaci abortivi devono essere dichiarati illegali, ma il tentativo di proibire tutte le forme di contraccezione, dai preservativi al coito interrotto, è una prospettiva talmente remota e improbabile che non vale nemmeno la pena di prenderla in considerazione. Possiamo affermare onestamente, come cattolici, che non favoriamo nemmeno questa prospettiva, perché una legge di questo tipo – se venisse imposta – sarebbe estremamente intrusiva e distruttiva.

Alcuni cattolici, però, non sembrano preoccupati di queste conseguenze. Fantasticano su schemi utopici in cui ogni peccato verrebbe soppresso grazie alla viole
nza organizzata dello Stato. Fortunatamente non riusciranno a trasformare il nostro Paese in una Corea del Nord con crocifissi, ma anche così stanno svolgendo un lavoro eccellente per screditare il resto di noi cattolici che preferisce la virtù della prudenza e conosce i mali che comporterebbe un governo illimitato, rafforzandosi ora con l’alta tecnologia.

Lasciamo da parte questi vaneggiamenti di potere totale sui nostri vicini e sforziamoci invece di servire il bene, la verità e la bellezza, in questo momento della storia in cui Dio ci ha messo al mondo e in questo Paese in particolare.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

 

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.