Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 23 Settembre |
San Pio da Pietrelcina
home iconChiesa
line break icon

Perché la comunione dei santi non viene menzionata sempre nel Credo?

© Pascal DELOCHE / GODONG

Julio de la Vega-Hazas - Aleteia - pubblicato il 27/02/14

Rispondiamo a una lettrice di Aleteia: perché il Credo di Nicea non include questo dogma

Vorrei che si parlasse della comunione dei santi, che è sempre stata una cosa che ha riempito la mia vita. Vi chiedo qualcosa a cui nessuno ha saputo rispondermi: perché nel Credo che definiamo “lungo” non si nomina la comunione dei santi? Grazie (A.O. da FB)

Nella liturgia si utilizzano due simboli della fede o Credo, che si impiegano alternativamente: il cosiddetto simbolo apostolico – il più corto dei due – e il cosiddetto simbolo niceno-costantinopolitano (in genere chiamato niceno per non utilizzare un’espressione tanto lunga) – il più lungo.

Anche se si usano entrambi come professione di fede nella Messa, hanno origini diverse, e non solo a livello di luogo. Rispondono a necessità distinte. Il Simbolo degli Apostoli (in realtà non è loro) ha origine nella diocesi di Roma, e nella catechesi. Si trattava di presentare ai catecumeni un riassunto al tempo sufficientemente semplice e sufficientemente completo della fede cattolica. Il Simbolo niceno-costantinopolitano, invece, deriva da un concilio ecumenico, o meglio da due: quello di Nicea e quello di Costantinopoli, entrambi del IV secolo.

In quei concili si è cercato fondamentalmente di definire la dottrina cattolica di fronte alle eresie trinitarie, soprattutto l’arianesimo, che non riconosceva il Figlio come consustanziale al Padre (Nicea), e il cosiddetto macedonianismo, che faceva lo stesso riguardo allo Spirito Santo (Costantinopoli). Il simbolo della fede era un riassunto di quanto era stato concluso e definito in quella sede. Per questo si riferisce alla Trinità nella maggior parte della sua estensione, e alla fine richiama anche un paio di cose che qualcuno all’epoca metteva in dubbio. In origine, quindi, non pretendeva di essere un riassunto della fede cattolica, né di essere usato nella catechesi.

È questo il motivo per cui la comunione dei santi appare precisamente nel simbolo più breve e non in quello più lungo.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
catechismocomunione dei santicredo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
5
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
6
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
7
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni