Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Perché hanno messo in croce Gesù?”

© Andreas SOLARO / AFP
Condividi

La domanda è stata posta a Papa Francesco da un bimbo disabile di Cittadella

"Perché hanno messo in croce Gesù'?".
Lo ha chiesto un bambino disabile a papa Francesco, mercoledì, all'udienza generale in cui erano presenti oltre trecento persone colpite da malattie rare in rappresentanza del milione e mezzo di pazienti italiani, affetti da patologie cronicamente debilitanti, a volte potenzialmente letali.

Bergoglio, colpito da quell'interrogativo – come riferisce l'Osservatore Romano – gli ha spiegato con parole semplici che a crocifiggerlo sono stati "quelli che non gli volevano bene". Il giornale del Vaticano riferisce questo passaggio come "uno dei tanti momenti dell'intenso dialogo tra il papa e le persone ammalate, soprattutto i più piccoli, divenuto ormai ogni mercoledì una consuetudine significativa".

Le parole di Francesco, si legge in una nota dell'associazione Uniamo Fimr Onlus, "sono di grande conforto e sostegno per le migliaia di famiglie che, quotidianamente, combattono non solo con le conseguenze della malattia ma anche con i mille intoppi del sistema burocratico non ancora in grado di rispondere in modo organico alle loro esigenze.

Il Pontefice ha chiesto che "i pazienti e le loro famiglie siano adeguatamente sostenuti nel loro non facile percorso, sia a livello medico che legislativo".

 

 

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.